Imprese e Individui a MALTA, 4 passi insieme per internazionalizzarsi davvero

Imprese e Individui a MALTA, 4 passi insieme per internazionalizzarsi davvero. Relocate your Mind!

Ecco il nostro pensiero e le nostre azioni, in un intervista con Francesco Carbone in un podcast de Il Truffone

I confini, i permessi, i dazi, i passaporti, i visti, la moneta ecc. sono costrutti pensati da uomini per controllarne altri …. la vera ed unica utilità delle barriere è quella di far capire quando queste crollano che cosa sia la libertà di movimento di persone, capitali, beni e servizi….. ricordatevelo

Siate diversi, cogliete le opportunità di un mondo grande ma sempre piú facile e vicino e si può davvero fare in perfetta regolae rispetto delle norme internazionali, FATELO !!!

http://iltruffone.com/it-030-individui-e-imprese-ecco-4-idee-da-cui-partire-per-cominciare-a-internazionalizzarsi/

Il processo di internazionalizzazione è oggi alla portata di molti e andrebbe sfruttato come possibile, ovviamente nel rispetto di quelle norme internazionali che da tempo hanno dichiarato fuorilegge l’offshore ma che ancora lasciano ampi spazi di manovra al movimento di persone, capitali, beni e servizi. Anche gli individui e le piccole e medie imprese possono infatti, a loro modo, replicare alcune strategie di successo adottate dalle corporation godendone gli indubbi vantaggi. Con l’aiuto di Alberto Balatti vediamo le 4 idee fondamentali dalle quali partire: 1) spezzare residenza e cittadinanza 2) avviare alcune attività all’estero ottimizzando, eventualmente, anche la tassazione 3) diversificare i propri asset al di fuori del paese d’origine 4) acquisire competenze necessarie per integrarsi col processo globale e rivendibili all’estero (corsi Inglese, Laurea ed MBA in Inglese).

L’ospite della puntata

Alberto Balatti, fondatore e Managing Partner di MALTAway.com, ha oltre 35 anni di esperienza internazionale nei settori di Management Consulting, Servizi Societari, Consiglio di Amministrazione, Governance, Investimenti e Relocation

Link a fonti utili

Malta for EU companies a place to be, pubblicato su Maltaway

Paradisi Fiscali: nuovo modello Europeo a punti paesi blacklist, pubblicato su Maltaway

Dal TAX HAVEN al TAX COMPLIANT con MALTA way, pubblicato su Maltaway

MALTA, il paradiso dove trasferire la pensione INPS, pubblicato su Maltaway

Malta, Italia, Europa: estero e mancata iscrizione AIRE per cittadino Italiano, pubblicato su Maltaway

MALTA, rating alzato ad A-, Debito sceso al 60%, Deficit allo 0,5%

MALTA, rating alzato ad A-, Debito sceso al 60%, Deficit allo 0,5% (dopo un surplus per 2 trimesti consecutivi), meglio delle previsioni di Eurostat

Se sei in un paese a rischio, con un debito enorme, con un sistema bancario a rischio, tu, il tuo business, i tuoi assets sono a rischio …. non ci sono fiduciarie o fondi patrimoniali che tengano, la vera ed unica alternativa e averei propri assets in paesi stabili, solidi, sicuri.


The third quarter of 2016 saw the national debt fall to 60.4% of GDP, its lowest level since 2008, according to a government press release.

“Over the course of the last legislature, national debt went from 60.4% to 71.5%, an increase of 11.1 percentage points. Under this administration, this increase has been completely erased,” read the statement.

It added that “in the last year alone, a reduction of almost 2.5 percentage points was registered” and that according to Eurostat, Malta had the fifth largest reduction in national debt.

“At the time when the leader of the Opposition was the deputy leader of the party in government, the national debt had increased at a rate of €103m a month, or 3.5% of the of GDP. This was the largest increase in national debt ever registered over a period of three months,” read the statement.

Moreover, according to Eurostat, the country register red a deficit of 0.5% in the third quarter of last year, on the back of two consecutive quarters where a surplus was registered, the government said.

“An analysis of the number shows that this is the first time that the country registered a surplus in two consecutive quarters. The surplus observed in the second quarter of 2016 is the best financial result obtained by the government since Eurostat started publishing statistics for Malta in 2000.”

According to the government, the results explain why Standard and Poor’s chose to upgrade Malta’s credit rating to A-. In addition to this, it said that without having to resort to austerity measures, the government has succeeded at bringing about strong economic growth, which is being used to strengthen public finances.

http://www.maltatoday.com.mt/business/business_news/73719/national_debt_down_to_604_of_gdp#.WIb1l7YrJo4


MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

Quantitative Reasoning Skill and quantitative methodology are very rare on the market

Quantitative Reasoning Skill and quantitative methodology are very rare on the market

The “scarcity of yourself” with MALTaway Education and Relocation

The world’s most popular job profiles by 2020

The Fourth Industrial Revolution brings artificial intelligence and machine learning in the foreground of a changing work environment. To get on the bandwagon, employers have to adapt to mobile internet and cloud technology, update their employees’ skills, and look for STEM (Science, Technology, Engineering, and Mathematics) educated candidates.Vesselina Stefanova Ratcheva, Data Analyst for the World Economic Forum, shares with Expat.com her vision of the future of jobs, and gives us some tips to excel in the developing employment market.

Vesselina Stefanova Ratcheva

About the author

Vesselina Stefanova Ratcheva is Economist from the World Economic Forum. She answers Expat.com questions on the Future of Jobs report issued by the organization in 2016.

What is WEF’s definition of the Fourth Industrial Revolution, and when is it about to start?

The First Industrial Revolution used steam power to mechanize production. The Second used electric power to create mass production. The Third used electronics and information technology to automate production. Now a Fourth Industrial Revolution is building on the Third. It is characterized by a fusion of technologies that are blurring the lines between the physical, digital, and biological spheres.

 

Industrie 4.0 la nouvelle révolution industrielle

In its scale, scope, and complexity, the transformation will be unlike anything humankind has experienced before. The technological advances indicative of its arrival are slowly gathering momentum. We expect that the coming years will see an acceleration in the emergence of advanced technologies.

How businesses, governments, and individuals are expected to react to these developments? Has the competition started?

Governments and businesses are increasingly aware that there is a wider arena in which to both compete for emerging technologies and plan effective governance. This landscape presents a variety of challenges, especially when it comes to attempts to meet the talent demands which can effect wider economic growth.  Great initiatives currently in place include Singapore’s Skills for the Future programme, Finland’s distinctively future-ready foundational education system, as well as Germany and Switzerland’s exemplary approaches to technical and vocational education.

Where should students go to find the best studies in genetics, artificial intelligence, robotics, nanotechnology, 3D printing, and biotechnology?

No one institution or indeed country can be said to have the education capacity to develop the full sweep of the many emerging technologies. More importantly many emerging technologies are not likely to be taught in universities, but on the job, through wholly new certification models, or through micro-courses. Our work with education experts has highlighted that the education systems of the future will need to be agile to adapt to the emerging landscape and there will be similar demands placed on students themselves. Those embarking on new courses should not consider their education to be bounded in time and restricted to their degree programme. Increasingly students will need to think with a broad horizon, expect to learn throughout their lifetimes and be flexible in their outlook.

As with other developments before them, there will be the potential for many new companies to emerge to fill gaps in the industry landscape. Yet in an increasingly multi-focal world, these new enterprises could emerge in a variety of environments, only limited by the entrepreneurial nature of the populations at hand.

Facing a shortage of skilled people in several sectors, what is /will be the most popular profile among talent hunters, both in terms of soft skills and hard skills?

Technical skills vary significantly by industry and with the pace of change in technologies. Overall STEM skills will be in particular demand. When it comes to soft skills, Complex Problem Solving, Critical thinking, Creativity, People management and Coordinating with Others will be some of the key skills in 2020.

What jobs will be the most popular?

The future of work will particularly require professionals skilled at building the tools of tomorrow professionals such as Mechanical and Electro-technology Engineers. Many high growth roles will be the ones leveraging STEM skills to the benefit of a variety of industries, including those dealing with new materials, extraction and processing such as Mining and Petroleum Plant Operators, Materials Engineers, as well as Industrial and Production Engineers.

Retaining their popularity are the recently booming Data Analysis, Software and Applications Developers and Analysts professionals.  In addition, we expect to see an ongoing appreciation of those professionals that can understand and shape our increasingly complex economies: Economists, Management and Organisation Analysts, Supply Chain and Logistics Specialists.

Fourth Industrial Revolution

Will the Fourth Industrial Revolution have an impact on the most traditional jobs doctors, teachers, lawyers, blue collars? What about the impact on the mobility market?

Our projections suggest significant changes to traditional blue collar jobs and to the law profession in its current form, requiring wide-scale adaption. Medical jobs should see a more stable outlook, as should teaching roles, although the latter will also see some disruption in the type of work being done.

Most companies expect recruitment to become even harder, and the skills needed will undoubtedly be more high-level, suggesting that there will be a move towards seeking new talent pools. However, it remains to be seen whether companies will leverage the opportunity of new technologies, and make wider use of remote working, whether they will import talent, or will end up looking closer afield.

The rise of flexible work and new formats of working could enable more worker flexibility in terms of mobility, but wider geo-political factors will be potentially a constraining factor to more optimistic scenarios.

http://www.expat.com/en/expat-mag/782-the-world-most-sought-after-skills-by-2020.html

MALTA Dreams Road in moto

MALTA Dreams Road in moto

Oggi da non perdere questo video, cibo per gli occhi, la mente e la passione di guidare una moto nella storia, cultura e panorami straordinari di MALTA, per tutto il resto ci siamo noi di www.maltaway.com

http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5a4b7cd9-58a2-4543-a756-8bdfc85ffbd7.html

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

VIAGGI MALTA E NEL MONDO CON MALTAway TRAVEL

MALTAway TRAVEL è un CONSULENTE DI VIAGGIO SPECIALIZZATO SU MALTA, paese ove viviamo e che conosciamo nei suoi aspetti più diversi, ma sempre con soluzioni nuove e competitive ovunque nel mondo

Scegliere Maltaway Travel per un viaggio a Malta vuol dire prenotare un hotel a prezzi web ma in più avere i consigli giusti e gratis di chi ha visto e selezionato gli hotel , di chi conosce l’isola per suggerirti la location ideale , di chi sa dirti cosa fare e vedere. E poi puoi anche trovarci qui al tuo arrivo.

Per chi viaggia per affari vuol dire avere un servizio in outsourcing con il tuo esperto a prezzi web e ovunque nel mondo

CONTATTA Maltaway Travel per un preventivo per un viaggio.

LA TUA AGENZIA ON LINE CON UN VOLTO E UNA VOCE PER OFFERTE A PREZZI WEB + TANTI CONSIGLI GRATIS

VIAGGI, IL MARE DI MALTA: leggi la nostra guida aggiornata e con i dettagli e le informazioni di chi vive sull’isola

VIAGGI, STORIA, CULTURA E TRADIZIONE A MALTA: è un paese ricco di storia lunga 7000 anni e di cultura con templi neolitici, cittadine medioevali , pittoreschi villaggi , imponenti palazzi, chiese e cattedrali ma anche stupendo dal punto di vista naturalistico con il suo mare azzurro, le lagune caraibiche, le sue spiagge, le sue scogliere che rendono l’isola una location davvero unica e completa.

YACHTING: Noi di MALTAway TRAVEL, ti possiamo organizzare la tua vacanza in barca a vela a Malta perchè i tuoi sogni e desideri possano realizzarsi. .. e svegliarti nella Laguna Blu di Comino per un bagno in solitaria nelle sue acque azzurre e cristalline, o attraccare nella baia di Xlendi a Gozo, o partendo da Malta ovunque nel Mediterraneo Perché dovresti scegliere NOI di Maltaway Travel ?


I VANTAGGI DI PRENOTARE LA TUA VACANZA E I TUOI VIAGGI CON MALTAWAY TRAVEL

  •         Perché non hai tempo di trovare l’hotel, raccogliere informazioni  , capire la location giusta per te, scomodarti ad andare in agenzia a prenotare. Noi sappiamo  consigliarti offrendoti posti selezionati a costi competitivi, come TUO CONSULENTE DI VIAGGIO
  •        in PIU’ saremo il TUO PERSONAL TRAVEL  per avere iconsigli giusti sulla tua vacanza , senza costi aggiuntivi.

Tu non dovrai preoccuparti di nulla prenotare un Viaggio con Maltaway  Travel è semplice, in soli 3 passi:

  1. CONTATTACI : Tu non dovrai preoccuparti di nulla, contattaci via mail , Skype , Voip per valutare insieme le tue esigenze, per costruire il viaggio su misura per te, avere da noi suggerimenti sulla miglior location e il miglior hotel senza costi aggiuntivi, i consigli sono gratis.
  2. PREVENTIVO : ti mandiamo on line un preventivo per una vacanza negli hotel o residence selezionati o per i voli da te scelti per il tuo viaggio,  come fa la tua agenzia viaggi vicino a casa ma senza scomodarti
  3. PRENOTAZIONE : per confermare la tua scelta inoltri un  bonifico in tutta sicurezza al Broker di Viaggio italiano serio e affidabile da noi scelto, senza far uso della carta di credito, e tispediamo i voucher e/o i biglietti aerei (compreso il check in per i voli low cost) direttamente via e- mail .

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO  senza impegno e per vedere le offerte che facciamo, noi di Maltaway Travel siamo qui a Malta ad aspettarti!

Lloyd’s of London a Malta, Un grande game-changer, Tu che aspetti, la tua Brexit?

Lloyd’s of London a Malta? Un grande game-changer! Tu che aspetti, la tua Brexit?

PERCHÈ MALTA?

MALTA è la tua nuova SVIZZERA e il tuo Nord Europa ma in mezzo al Mediterraneo, ispirata dal modello della Città-Stato dell’Isola di SINGAPORE. Con Maltaway Malta non avrà segreti per te

CENTRO del MEDITERRANEO

Quale paese offre una qualità della vita, clima spettacolare 12 mesi all’anno,costi contenuti, collegamenti frequenti e low cost al massimo a 2 ore dalla tua città, un sistema di regole e fiscale competitivo in tutto il mondo?

PAESE LEADER

MALTA è la tua nuova SVIZZERA e il tuo Nord Europa ma in mezzo al Mediterraneo, stabile e sicuro,  ispirata dal modello della Città-Stato dell’Isola di SINGAPORE

TASSE SUL REDDITO, CAPITALE E PATRIMONIO

ZERO imposte di successione, ZERO imposte sul capitale e patrimonio, ZERO imposte sul capital gain, ZERO imposte sugli immobili, 5% imposte sui redditi d’impresa

MALTA, EUROPA, COMMONWEALTH, MONDO

Dove puoi trovare una comunità internazionale aperta e stimolata ad attirare persone, imprese, idee e capitali capaci di crescere insieme?

MALTA FINTECH HUB

Malta FinTech, un vero hub della finanza e della Tecnologia dell’ eGaming e eCommerce, servizi di eFinance e eBanking a supporto del mondo Consumer e  Corporate

Malta in pole position for Lloyds of London subsidiary post-Brexit

Malta emerged as the favourite location for a post-Brexit subsidiary of insurance firm Lloyds of London, sources said.

Lloyds made it clear some months ago it wanted to open an office in another EU member state as soon as British Prime Minister Theresa May set Article 50 in motion to negotiate Brexit – meant to be by the end of March.

Lloyds chief executive Inga Beale had originally said the company was considering Dublin, Paris and Frankfurt, but by October, she said Malta and Luxembourg had been added to the list.

The sources said Lloyds had sent a delegation to Malta last month, as a result of which the island was put in pole position.

Lloyds intends to keep its 328-year-old base in London but will most likely move its top management to the new subsidiary, which will have to be capitalised separately, running into tens of millions of euros. The other – clearly more costly – option would be to have a branch in each of the member states, a possibility believed to have been all but ruled out.

The issue is passporting, that is, having the ability to conduct business from one jurisdiction in all the other member states. Passporting rights represent around four per cent of the company’s total premiums.

“The impact on Malta of hosting such a prestigious brand cannot be underestimated. It would be a game-changer in terms of attracting other big names,” the sources said.

http://www.timesofmalta.com/articles/view/20170112/local/malta-in-pole-position-for-lloyds-of-london-subsidiary-post-brexit.636259

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

Serenità, auguri e un outstanding 2017 a Malta

Serenità, auguri e un outstanding 2017 a Malta

Se il tuo baricentro è all’estero , perdi la tua visione del mondo ITALOCENTRICA, acquisisci un mindset globale, non sprechi piú risorse a pre-occuparti del debito e del moral hazard italiano … Malta è la soluzione on-shore piú efficiente e compliant con EU e OCSE … il miglior augurio per il 2017 a tutta forza con www.maltaway.com

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

MALTAWAY: UN SUPPORTO PROFESSIONALE PER INVESTIRE, FARE BUSINESS E VIVERE A MALTA

MALTAway è un portale che nasce con una visione olistica di servizi integrati di Corporate Services, Tax & Legal, Management Consulting, Governance, Investment, Business Advisory, Relocation, rivolti al mondo Corporations, Business, Finance, HNWIs

Maltaway: la nostra conoscenza del mondo, dell’Italia e di MALTA come fattore del Vostro successo!

 

 

SERVIZI SOCIETARI

Servizi per il Consiglio di Amministrazione e di Governance, Servizi Legali e Fiscali, Finanziari e di Tutela del Patrimonio, Relocation: con maltaway malta
Costruire con la Corporation e il suo Board, l’Imprenditore e la sua Impresa un tavolo di confronto strategico per le scelte chiave del proprio business
Consulenza legale e servizi di assistenza per la relocation e la residenza a Malta, rivolti alle grandi corporations globali, alle imprese di medie dimensioni e famigliari, ai loro dirigenti e dipendenti, individui, HNWIs, pensionati

 

 

Corporations, Imprenditori, Famiglie, Singoli, HNWIs, trovano a Malta un sistema Bancario e Finanziario esteso, professionale, sicuro e un contesto legale, fiscale, finanziario adatto agli Investimenti, al Business e alla Protezione del Patrimonio
Corsi di inglese qualificati e un Master Business Administration (MBA) con 2 differenti programmi e impegni, per una Education Innovativa a Malta

 

CASA A MALTA E VIAGGI

I servizi di CASAMALTA per Acquisto, Affitto e di Investimento Immobiliare e di MALTAWAY TRAVEL a Malta e nel Mondo, il tuo personal traveller per business & vacanze

Dal TAX HAVEN al TAX COMPLIANT con MALTA way

Dal TAX HAVEN al TAX COMPLIANT con MALTA way, la lista OXFAM dei peggiori TAX HAVENS al mondo

Se vuoi evitare i porti (HAVEN) non piú sicuri dei paradisi fiscali e lasciare l’inferno (HELL) di troppe giurisdizioni europee e mondiali, pensa a MALTA, dentro all’Europa e al Commonwealth, fully compliant con EU e OCSE … MALTAway per il tuo accesso alla migliore giurisdizione ON-SHORE … L’ OFF-SHORE è morto

 

Ecco qui sotto la lista e le specifiche motivazioni, per cui queste 15 giurisdizioni sono considerate le peggiori al mondo in qualità di paradisi fiscali e facilitatori degli schemi di elusione ed evasione fiscale…. 4 sono in Europa e uno in area EEA.

Se siete in uno di questi paesi oppure state pensando di trasferirvi,  avere una società o un corporate HQ , la probabilità che il mondo vi metta nel mirino, sale notevolmente.

L’ OFF-SHORE è morto

Top 15

Characteristics

1

Bermuda

0% corporate income tax (CIT), 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse, exchange and transparency initiatives, evidence of large-scale profit shifting.

2

Cayman Islands

0% CIT, 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse, exchange and transparency initiatives, evidence of large-scale profit shifting.

3

The Netherlands

Tax incentives, 0% withholding taxes, evidence of large-scale profit shifting.

4

Switzerland

Tax incentives, 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse and transparency initiatives, evidence of large scale profit shifting.

5

Singapore

Tax incentives, lack of withholding taxes, evidence of substantial profit shifting.

6

Ireland

Low CIT, tax incentives, evidence of large scale profit shifting

7

Luxembourg

Tax incentives, 0% withholding taxes, evidence of large scale profit shifting

8

Curaçao

Tax incentives, 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse, exchange and transparency initiatives, evidence of substantial profit shifting.

9

Hong Kong

Tax incentives, 0% withholding taxes, evidence of large scale profit shifting.

10

Cyprus

Low CIT, tax incentives, 0% withholding taxes.

11

Bahamas

0% CIT, 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse and transparency initiatives.

12

Jersey

0% CIT, 0% withholding taxes, evidence of substantial profit shifting.

13

Barbados

Low CIT, 0% withholding taxes lack of participation in multilateral anti-abuse and transparency initiatives.

14

Mauritius

Low CIT, 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse and transparency initiatives.

15

BVI

0% CIT, 0% withholding taxes, lack of participation in multilateral anti-abuse and transparency initiatives.

 

Per scaricare la versione completa del report di Oxfam, vai QUI

MALTA vuol dire business alla luce del sole, Europa e OCSE compliant, mentre in Irlanda, Lussemburgo, Dubai, Panama e Principato si chiudono le scappatoie rimaste aperte per anni

MALTA destinazione di elezione per la gestione di Holding, Royalties e Licenze, nel rispetto dei principi OCSE che vedono la sostanziale vicinanza tra creazione di valore e profitti

MALTAway, la tua via di accesso al business alla luce del sole, sposta con noi a Malta le tue menti migliori e a tua fabbrica delle idee

Qui la tassazione è davvero efficiente, esiste una sola regola, uguale per tutti, che tu sia APPLE o una piccola realtà imprenditoriale non ci sono accordi da negoziare con le Authorities come in Irlanda, Lux ecc., questo è in linea con i principi di fair competition e piace al Mondo, Europa e OECD

http://www.maltaway.com/peggiori-paesi-per-tasse-sulle-aziende/

http://www.maltaway.com/malta-eu-companies-a-place-to-be/

http://www.maltaway.com/europa-schemi-corporate-tax-avoidance-5-stelle-malta-compliant/

MALTA la gaming valley del Mediterraneo ma con una creazione di ricchezza ben bilanciata tra diversi settori

MALTA la gaming valley del Mediterraneo ma con una creazione di ricchezza ben bilanciata tra diversi settori

3 settori rilevanti come Retail & Accomodation, Servizi professionali e ICT, Immobiliare … e una scarsa rilevanza del settore Pubblico

Questo significa avere una eccellente gestione del rischio paese, una straordinaria gestione del rischio per te e un ampio spettro di opportunità professionali e di impiego … gaming and much more

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

The gaming industry in Malta continued to advance steadily during the first half of 2016, in spite of a downturn in global activity in 2015 and indications of flat revenues in major international markets this year.

This was, in the main, reflected in a 31% increase in
employment within the gaming industry in Malta during the period, which represented a peak upon the already
strong rates of growth over the past two years.

The data forms part of a report by the Malta Gaming Authority for the first half of 2016.

Among the major drivers were organic growth in revenue experienced by several firms as well as the expansion of the services offered. Other drivers comprised new investment, including relocation of businesses to Malta, also on account of mergers and take-overs taking place internationally.

Employment growth was also sustained by business trends geared towards consolidating service delivery robustness, quality and consumer satisfaction – partly driven by regulatory requirements – and enhancing marketing activities.

The number of full-time equivalent jobs in the gaming industry is estimated to have reached 6,150 by June 2016.

While land-based activities generated over 250 new jobs during the first half of 2016 when compared to the first half of 2015, the number of new jobs in remote gaming business increased by eight times as much. These estimates include solely jobs within firms which are licensed by MGA.

The activities of firms in the gaming industry operating from Malta but not licensed under the Maltese jurisdiction, including employees hired by third companies to service the gaming sector, are in the process of being surveyed by the MGA to derive a more comprehensive assessment of the contribution of the industry to the Maltese economy.

The gaming industry directly contributed 12.0% of the total economic value added generated in the Maltese economy during the first half of 2016 and grew by 11.9% compared to the first
half of 2015.

‘New
economy’ activities comprised financial services, real estate, business support including ICT services, and, to a lesser extent, the retail, accommodation and catering sector, together generating over one half of the value added of the Maltese economy.

Tax revenues amounted 
to €28 million during the first half of 2016. This
represented 4.6% of the total indirect tax intake of the
Maltese Government during the period. On the basis of
a year-on-year comparison to account for seasonal
elements in casino activity, revenue from gaming taxes increased by 3.8%.

Growth in tax revenue was mainly underpinned by increased activities of gaming parlours as well as of remote gaming operators which utilise a B2B service licensed by the MGA.

From a more detailed market behaviour perspective, there was growth in all segments of land-based gaming activities in the first half of 2016, with total visits to outlets increasing by 12.2%.

This increase concerned all of the three types of land-based outlets, but over two-thirds of the increase was generated by gaming parlours. This segment was characterised by an increasing range of service offering which led to a substantial rise in the number of visits. At the same time, the average gross gaming revenue per visit fell by a substantial 22%, reflecting the changing nature of the services offered. Furthermore, players’ expenditure in gaming parlours has decreased by 11%.

Overall, the gross gaming revenue of the land-based sector, including lotteries, grew by 5.8% during the first half of 2016 over the comparable period of last year.

This was in the main driven by spending on lotteries – which reversed a decline in 2015 – on account of draw-based games and sports games driven mainly by the UEFA European Football Championship. The increase in visits by players in land- based activity in the recent years is a result of the extensive regulation of the market that encouraged a shift of customers to regulated outlets. The total visits are inclusive of both Maltese nationals and foreign nationals living in Malta as well tourists visiting the Maltese islands.

http://www.maltatoday.com.mt/business/business_news/72443/fulltime_jobs_in_gaming_industry_reach_6150_during_first_half_of_2016#.WEupXqIrJo4

LAUREA E MBA A MALTA

Laurea e MBA a Malta, BSc in Business Studies e MBA Executive e full time, la tua Higher Education a Malta con MALTAway

Nel quadro di forte investimento nel mercato globale dell’ EDUCATION, che ha visto per lungo tempo la leadership del Regno Unito, MALTA si presenta come nuova e competitiva alternativa, grazie agli investimenti infra-strutturali e alla sempre più estesa e qualificata comunità internazionale presente.

Che tu sia un Neo Laureato, un Professionista, un Manager, oppure un’ AZIENDA interessata ad investire nel proprio capitale umano con corsi di alta qualificazione ai prezzi più competitivi in Europa e nel mondo, con MALTAway trovi una soluzione innovativa.

MALTAway offre servizi di HIGHER EDUCATION di alto contenuto e livello per chi vuole mettersi in gioco con esperienze coinvolgenti che stimolano il confronto e la crescita personale, offrendo una differenziazione e capacitá competitiva del proprio CURRICULUM in un mercato del lavoro sempre più demanding, competitivo, globale.

Con MALTAway puoi realizzare quello che è sempre stato il tuo sogno e una ormai irrinunciabile necessità nel mondo lavorativo, con un’esperienza accademica, professionale e personale in un paese di lingua Inglese e un contesto decisamente internazionale

LAUREA (BSc) in Business Studies, Corsi a Malta con titolo accademico  rilasciato da una Università Inglese

La Laurea in Business Studies ha un programma disegnato e finalizzato alla prepazione degli studenti per il loro ingresso nel mercato del lavoro di aziende e organizzazioni internazionali e future posizioni manageriali in diversi settori del mondo commerciale, industriale e dei servizi

Laurea BSc (Hons) full time 2 anni senza alcuna interruzione estiva

Requisiti richiesti:

  • Diploma di Scuola Superiore 2 ‘A’ Level o equivalente
  • Gli studenti candidati devono avere almeno 18 anni
  • Normalmente agli studenti è richiesto un buon livello della Lingua Inglese (IELTS 6.5 o equivalente). MALTAway vi offre soluzioni di Corsi di Inglese finalizzati a raggiungere questo livello minimo

Programma di Studi:

Managing Information and Technology, Marketing Management, Quantitative Techniques in Business, Business Accounting, Managerial Economics, Organisational Behaviour, Human Resource Management, Project Management, Personal Managerial Effectiveness, Business Research Methodology, International Business, Financial Management Analysis, Strategic Management, Entrepreneurship, Innovation and Technology Management, Integrated Case Study with Dissertation or Business Project

Il costo dei corso di LAUREA (BSc) è molto competitivo con fee per tutto il Programma di studi inferiore ai 19.000 euro.

Per maggiori informazioni, dettagli e approfondimenti CONTATTARE MALTAway, che vi seguirà nella fase di valutazione , domanda ed iscrizione e per la permanenza a MALTA

MBA MASTER BUSINESS ADMINISTRATION

Il Master in Business Administration è una specializzazione manageriale post laurea riconosciuto a livello internazionale e altamente qualificante e distintivo nel mondo lavorativo.

MASTER BUSINESS ADMINISTRATION (MBA)  con 2 differenti programmi e impegni, un Executive MBA e un Full Time MBA, con il conseguente ottenimento di un titolo accademico rilasciato da una riconosciuta e qualificata Università Inglese con un livello 7 del Quadro Europeo delle Qualifiche, il più elevato se si esclude la qualificazione accademica del PhD o Dottorato di Ricerca

6 Avanzata in un ambito lavorativo o di studio, che presuppone una comprensione critica di teorie e principi. Avanzate, che dimostrino padronanza e innovazione necessarie a risolvere problemi complessi ed imprevedibili in un ambito specializzato di lavoro o di studio. Laurea, diploma accademico di I livello;
7 Altamente specializzata, che può costituire l’avanguardia della conoscenza in un ambito lavorativo o di studio, come base del pensiero e/o di ricerca originale. Consapevolezza critica delle problematiche legate alla conoscenza in un campo e all’interfaccia tra campi diversi. Problem solving specializzato necessario nella ricerca e/o nell’innovazione, al fine di sviluppare nuove conoscenze e procedure e per integrare conoscenze provenienti da ambiti diversi. Laurea magistrale, diploma accademico di II livello, master universitario di I livello, diploma accademico di specializzazione (I), diploma di perfezionamento o master (I);
8 Livello conoscitivo più avanzato in un ambito lavorativo o di studio e all’interfaccia tra campi. Tecniche più avanzate e specializzate, tra cui la sintesi e la valutazione, necessarie per risolvere problemi complessi della ricerca e/o dell’innovazione e per estendere e ridefinire le conoscenze esistenti o la pratica professionale. Dottorato di ricerca, diploma accademico di formazione alla ricerca, diploma di specializzazione, master universitario di II livello, diploma accademico di specializzazione (II), diploma di perfezionamento o master (II).

MBA full time della durata di 12 mesi

si rivolge principalmente a Laureati, Professionals e Managers, già in possesso di una laurea di 1 livello, che intendano ottenere una qualificazione internazionale riconosciuta e distintiva per inserirsi o consolidarsi nel mondo lavorativo, frequentare un contesto internazionale e acquisire un’ottima conoscenza e padronanza della lingua inglese

Requisiti richiesti:

  • bachelors degree (pari alla laurea triennale) con una buona valutazione finale
  • conoscenza inglese minimo IELTS 6.5 o equivalente. MALTAway vi offre soluzioni di Corsi di Inglese finalizzati a raggiungere questo livello minimo
  • Programma

Corsi di Managing Human Capital and Leadership, Marketing Management, Financial Analysis, Management and Entrepreneurship, Strategic Management, Research Methodologies ,Strategic and International Marketing , Corporate Finance , Financial Markets ,Investment Analysis ,International Business e Marketing Management.

MBA part time per EXECUTIVES della durata di 18 mesi

 si rivolge ad Executives, gia’ in possesso di una esperienza lavorativa, che intendano conciliare la formazione con l’impegno professionale per acquisire una qualificazione di valore per i contenuti e per le relazioni con docenti e managers, imprenditori e professionisti internazionali. I corsi consentono di accrescere le competenze e tecniche manageriali, sviluppare le capacita’ di visione e innovazione, maturare una crescita professionale e personale. Il corso si svolge principalmente dal Venerdí pomeriggio alla Domenica sera, in media ogni 6 settimane.

Requisiti richiesti:

  • bachelors degree o rilevante esperienza manageriale
  • conoscenza inglese minimo IELTS 6.5
  • appropriato livello di esperienza professionale

Programma di Studi:

Corsi di Managing Human Capital and Leadership, Marketing Management, Financial Analysis, Management and Entrepreneurship, Strategic Management, Research Methodologies, Corporate Finance , International Business, International Marketing Management.

I costi dei corsi MBA sono molto competitivi con fee compresi tra 6.000 e 7000 euro.

Per maggiori informazioni, dettagli e approfondimenti CONTATTARE MALTAway, che vi seguirà nella fase di valutazione , domanda ed iscrizione e per la permanenza a MALTA


CORSI INGLESE CORPORATE

CORSI INGLESE CORPORATE A MALTA

CORSI INGLESE CORPORATE A MALTA
Premessa
MALTA è un arcipelago situato nel Mediterraneo a sud della Sicilia, raggiungibile in aereo in massimo h.1.45 dalle principali città italiane con comodi voli low cost o di linea. Le isole di Malta, Gozo e Comino offrono memorabili esperienze dove è possibile combinare la scoperta di 7000 anni di storia e di un ricco patrimonio artistico e culturale con momenti di relax e svago.
Malta si presenta come nuova e competitiva alternativa per i corsi di inglese grazie alla qualità dei servizi offerti, al ricco patrimonio artistico e culturale, agli investimenti infrastrutturali e alla sempre piú estesa e qualificata comunità internazionale presente.
Maltaway è un team di professionisti italiani con consolidata esperienza internazionale che vive ed opera direttamente a Malta. Come MALTAway abbiamo identificato, selezionato e costruito una risposta alle necessità di formazione linguistica per Executives, managers e dipendenti delle aziende davvero attrattiva e competitiva sia rispetto ai corsi offerti in UK sia a quelli presso le scuole di moltissime città italiane. Maltaway offre la possibilità di organizzare corsi di Inglese Corporate a Malta in un contesto che coniuga la professionalità delle scuole e la competenza dei docenti, un ambiente internazionale, prezzi competitivi con momenti di svago in un luogo di cultura, natura e mare. Maltaway ha selezionato le soluzioni migliori nel mercato locale delle scuole di inglese a MALTA, testando i corsi, valutando le scuole, verificando le soluzioni di hotel o appartamenti/residence e pertanto, offre servizi con soluzioni complete e personalizzate. Maltaway collabora con partner affiliati accuratamente selezionati, ovvero scuole accreditate FELTOM, con insegnanti qualificati che erogano corsi con metodi di apprendimento innovativi, posizionate in zone centrali dell’isola e in moderne strutture.
Come MALTAway abbiamo identificato, selezionato e costruito una risposta alle necessità di formazione linguistica per Executives, managers e dipendenti delle aziende davvero attrattiva e competitiva sia rispetto ai corsi offerti in UK sia a quelli presso le scuole di moltissime città italiane.
 Maltaway offre la possibilità di organizzare corsi di Inglese Corporate a Malta in un contesto che coniuga la professionalità delle scuole e la competenza dei docenti, un ambiente internazionale, prezzi competitivi con momenti di svago in un luogo di cultura, natura e mare. 
L’azienda potrà valutare e decidere quale parte di questa soluzione sarà offerta come benefit ai suoi dipendenti, magari in cambio del loro periodo di ferie, e quale rimarrà direttamente a loro carico.
Corsi Inglese Corporate a Malta
A seguito di un’accurata ricerca fatta sul mercato locale, nell’ambito dell’ampio panorama delle scuole di lingua a Malta, Maltaway ha selezionato e individuato alcune scuole membri FELTOM (Federation of English Language Teaching Organisation of Malta) che sono in grado di erogare un servizio in funzione delle tipiche esigenze del mondo aziendale, di offrire un ottimo rapporto qualità/prezzo, di essere locate in aree centrali vicino a hotel, bar, ristoranti, negozi e alle fermate dell’autobus e dei ferries. Le aule sono moderne, condizionate, dotate di lavagne interattive, wi-fi e servizi interni di coffee shop e snack bar . Offrono corsi di 6 livelli da Principiante (A1), Elementare (A1/A2), Pre-Intermedio (A2/B1), Intermedio (B1/B2), Post-Intermedio (B2), Avanzato (C1) con insegnanti qualificati e certificati, oltre a preparazione esami per le piu importanti certificazioni inglesi come Ielts,Toefl, Toles, Weft e Cambridge. Il pacchetto corso comprende altri servizi come ad esempio una serata di benvenuto, la visione di un film , una serata party e l’utilizzo gratuito del wi-fi nell’edificio scolastico. La scuola organizza programmi di intrattenimento ed escursioni a pagamento per consentire la socializzazione dei partecipanti e lo scambio linguistico. Le lezioni si tengono normalmente dal lunedi al venerdi e sono divise in sessioni di durata di 45 minuti cadauna come tipico nel mondo anglosassone. Al mattino si tengono generalmente dalle 9.00 alle 12.30 con una pausa di mezz’ora. Al pomeriggio le lezioni sono comprese tra le 13.00 e le 18.00. Prima del corso viene inviato agli studenti un test per verificare il livello di inglese e alla fine del corso viene rilasciato un attestato di frequenza.
Tipologia dei Corsi
Ecco un esempio concreto di alcune tipologie di corsi disponibili in relazione alle specifiche esigenze aziendali. :
CORSO GENERAL ENGLISH max 12 studenti 20 sessioni alla settimana (4 lezioni al giorno)
CORSO INTENSIVE ENGLISH max 12 studenti 30 sessioni alla settimana (6 lezioni al giorno)
CORSO BUSINESS ENGLISH max 12 studenti 20 sessioni alla settimana (4 lezioni al giorno)
CORSO COMBINATION ENGLISH max 12 studenti 20 sessioni alla settimana + 10 Lezioni Individuali
CORSO MINI GRUPPO (max 6 studenti) STANDARD con 20 sessioni o INTENSIVE con 30 lezioni alla settimana
CORSO MINI GRUPPO (max 6 studenti) STANDARD con 20 sessioni o INTENSIVE con 30 lezioni alla settimana
CORSO PRACTICAL ENGLISH FOR THE WORK ENVIRONMENT STANDARD STANDARD con 20 sessioni o INTENSIVE con 30 lezioni alla settimana
CORSO PREPARAZIONE AGLI ESAMI per certificazioni IELTS,TOEFL, CAMBRIDGE ecc
CORSI ACCADEMICI INGLESE lunghi periodo per ammissione Università
Lots of multicolored men silhouettes made with paper for crowd concept
Prezzi dei Corsi
In relazione alle specifiche esigenze aziendali saranno resi disponibili i progetti per i corsi di inglese o Mba ed i relativi costi dei pacchetti richiesti. Noi non applichiamo maggiorazioni rispetto ai prezzi praticati direttamente dalle scuole. Maltaway offre consulenza per tutta la fase di programmazione del corso, alloggio in hotel o appartamento/residence, iscrizione con fee amministrativo per la gestione della pratica nonchè, su richiesta, assistenza in loco con un ulteriore fee. L’azienda potrà valutare e decidere quale parte di questi pacchetti sarà offerta come benefit ai suoi dipendenti, magari in cambio del loro periodo di ferie, e quale rimarrà direttamente a loro carico. Inoltre, con riferimento alle nuove norme italiane riguardanti il modello di welfare aziendale, questo prodotto/servizio di Education trova una sua ideale collocazione in questo schema a favore sia dei dipendenti sia dei loro familiari.
 
Nell’ambito dell’ampio panorama delle scuole di lingua a Malta, noi abbiamo selezionato e individuato quelle che possano garantire un servizio in funzione di tutte le esigenze aziendali, con estrema flessibilità e collaborazione e con il migliore rapporto qualità/prezzo.
 
Ecco un esempio concreto di alcune tipologie di corsi disponibili in relazione alle specifiche esigenze aziendali ed i relativi prezzi alla settimana per l’anno 2017:
 

·        GENERAL ENGLISH – max 12 studenti – 20 sessioni alla settimana (4 lezioni al giorno) – EURO 175

·        INTENSIVE ENGLISH – max 12 studenti – 30 sessioni alla settimana (6 lezioni al giorno) – EURO 235

·        BUSINESS ENGLISH – max 10 studenti – 20 sessioni alla settimana (4 lezioni al giorno) – EURO 195

·        COMBINATION Business English  20 sessioni + 10 Lezioni Individuali – EURO 365

 
I vostri dipendenti potranno anche coniugare lo studio con una vacanza da condividere insieme alla famiglia che potrà usufruire dei seguenti corsi:
 

·        CORSI ADULTI dai 18 anni di tutti i livelli a partire da 175 euro alla settimana

·        CORSI KIDS dai 7-8 anni ai 12 anni in Luglio e Agosto – 20 sessioni- Euro 210 alla settimana

·       CORSI TEENAGERS da 13 a 17 anni in Luglio e Agosto – 20 sessioni – Euro 210 alla settimana (su richiesta in Autunno o                 Primavera)  oppure corso inglese al mattino + attività pomeridiane in gruppo Euro 285

·      PACCHETTI TEENAGERS da 13-17 anni per ragazzi NON ACCOMPAGNATI in luglio e Agosto che comprendono 20 lezioni              d’inglese alla settimana- alloggio in residence/host family in full board – attività di intrattenimento ed escursioni pomeridiane e serali          assistenza di Group Leaders – trasferimento da/per aeroporto – EURO 700 alla settimana e EURO 460 in Host family (esclusi voli).

 
Hotel o Appartamenti
Inoltre, con Maltaway Travel che opera con un consulente di viaggio e con un grande broker italiano ed è pertanto in grado di selezionare e offrire gli hotel a Malta, a prezzi davvero competitivi, per costruire un pacchetto completo per i vostri dipendenti che vogliono vivere l’esperienza di un corso di inglese a Malta, magari abbinato ad una vacanza con la famiglia.
Maltaway, essendo basata a Malta, conosce nel dettaglio l’offerta turistica locale ed ha selezionato numerosi hotel o appartamenti/residence adatti ad ospitare studenti aziendali e/o loro famiglie, distanti 10-15 minuti a piedi dalle scuole con cui operiamo. La scelta della struttura viene operata sulla base delle specifiche indicazioni da parte dell’azienda e della miglior offerta disponibile al momento della prenotazione. Per facilitare l’operatività con i clienti italiani noi operiamo come ”agenzia viaggi on line” con un grande broker internazionale e siamo in grado di offrire soluzioni di alloggio in hotel 3-4-5 stelle o appartamenti/residence a prezzi competitivi. Maltaway vi aspetta a Malta… Per tutti i nostri servizi visitate il sito http://www.maltaway.com/ e il blog per news e aggiornamenti.
MALTAway TRAVEL
Siamo a disposizione per fornire ogni dettaglio e informazione per le proposte sopra indicate e costruire pacchetti di formazione linguistica e soggiorno a Malta in linea con le vostre esigenze aziendali o per ogni soluzione di Business travel ovunque nel mondo.

MALTA PIL 3Q 2016 +3 %, non zero virgola

MALTA PIL reale Q3 2016 +3 %, non zero virgola

maltaway-com-malta-gdp-13-16

 

Degli ultimi 4 anni, che hanno visto numeri incredibili per molti trimestri, con un picco del Q4 2014 a +10,5%, questo Q3 2016 è quello che mostra una crescita piú contenuta, ma sempre di grande valore e tra le migliori performance a livello Europeo e globale.

 maltaway-malta-previsioni-macro-2018

Infatti la crescita guidata da salari in grande ascesa e da consumi elevati, è confermata dai numeri che vedono i 113M€ di aumento del PIL del trimestre portati verso l’ alto da 53M€ di crescita per stipendi e 58M€ di aumento dei profitti aziendali … questo significa avere un circuito virtuoso sostenuto da consumi e nuovi investimenti che vanno ad aumentare la produttività del paese e la sua attrattività globale

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

maltaway-com-eurozone-outlook

GDP increased by 3% in the third quarter of 2016, down by 4.3% when compared to the 7.3% registered during the same period last year, according to statistics published by the National Statistics Office.

The fourth quarter of 2014 registered the largest growth in GDP, with a smaller growth being registered in every quarter since.

During the third quarter of 2016, Gross Value Added (GVA) increased by €100.2 million when compared to the same quarter last year. The increase in GVA – a measure of the value of goods and services produced in the country – was mainly generated by public administration and defence, education, human health and social work activities which increased by €24.5m. Arts, entertainment and recreation, repair of household goods and other services increased by €21.5m while drops were registered I construction, agriculture and fisheries.

In real terms, household final consumption expenditure increased by 3.1% while government consumption expenditure of 7.3%. Gross fixed capital formation, which measures investment decreased by 22.3% in real terms.

When compared to the same quarter last year, the increase in GDP at current prices of €113.0m is estimated to have been distributed into a €52.7m increase in compensation of employees, a €57.6m increase in gross operating surplus of enterprises, and a €2.8m increase in next taxation on production and imports.

In a statement, the government said that the numbers confirm estimates made in the last budget. Moreover, the government said that the economic growth is down to increased private consumption, driven by an increase in wages.

“Wages went up by €177m, or 6%, during the third quarter of this year while in the same period in the last year of the previous administration, the increase was of €121m,” the statement read.

Another factor behind he economic growth, it said, is that during the first nine months of 2016, retail outlets performed well.

“Official numbers show that the profits registered by businesses increased by €183m in the first nine months of 2016, up by 5.7% over 2015.”

The government said that over the coming months, through measures announced in the Budget, it will continue working to ensure that the registered growth reaches everyone in society.

http://www.maltatoday.com.mt/business/business_news/72378/real_gdp_up_3#.WEgp16IrJo4

MALTA, asset and wealth management, tax and legal vehicles in the best on shore country

MALTA, asset and wealth management, tax and legal vehicles in the best on-shore country

MALTA EU, OECD, CRS, FATCA compliant, the best jurisdiction for a significant strategic shift from offshore to onshore wealth management.
Faking a relocation will not work,a lot of people think it’s enough to have the right to live in …somewhere. It’s not enough, you have to actually live there. You have to choose somewhere you actually want to be….. and MALTA is the right place

MALTAWAY: INVESTING IN MALTA IN THE CALM WATERS OF A COUNTRY STABLE AND SAFE

Transfer to Malta your residence, your life, your family, your business, your wealth and assets, means improving your risk mitigation strategy

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

MALTA INVESTMENTS 

maltaway malta gzira bay

From FT

Tax evasion: Tightening the noose

Questions over whether new rules to flush out evaders and squeeze havens will work

Overlooking white sands and turquoise water, One Cable Beach is the latest oceanfront condominium to be built on the sun-drenched coastline of the Bahamas. Yet its top selling point is not the natural beauty of its surroundings. Instead it is the financial privacy it offers investors trying to escape from a looming crackdown on tax evasion.

Jason Kinsale, the developer, says almost two-thirds of his customers, especially from Europe and Canada, are attracted by the residence rights. They allow property buyers to tell their banks they are tax resident in the Bahamas. “It is a big driver. People don’t like to pay tax in their home country.”

The goal should be to make the Bahamas “the Monaco of the Caribbean”, says Ryan Pinder, former minister of financial services on the islands. He told MPs in the summer that offering tax residency to wealthy people would create a lifeline for the Bahamian economy at a time when the global crackdown on evasion was eroding its conventional offshore business.

But time is running out for investors wanting to dodge a transparency drive designed to squeeze tax evaders out of existence. By the end of the year countries from Albania to Vanuatu will have instructed financial services companies to begin collecting details of bank balances, interest, dividends and income from insurance products earned by clients living overseas.

The data will start criss-crossing the world from September, eventually ending up at the tax authority of the investor’s home country — potentially triggering investigations.

This global move is forcing a decisive break with the longstanding commitment of dozens of tax havens to protect the privacy of their clients. The islands, small states and principalities that built their prosperity on secrecy have all been forced to open up.

>€55bn Has been clawed back by governments in unpaid tax with France recovering an estimated €6.3bn

The US made the first move: its 2010 Foreign Account Tax Compliance Act has forced foreign banks to start handing over their clients’ data or face a 30 per cent tax. More than 100 other countries from China to the Cook Islands have followed suit, promising to exchange bank information through a system known as the Common Reporting Standard.

Under both Fatca and the CRS, information will be automatically transferred, representing a step change over previous transparency efforts that required investigators to have good reason to request tax information from other governments. After years when successive clampdowns resembled a game of cat and mouse between tax authorities and evaders, the latest initiatives have been hailed as a breakthrough, albeit one weakened by the US adoption of a different system to the rest of the world.

The transparency drive has had a big impact on the funds — estimated to be nearly $10tn — held offshore. As former bastions of secrecy from Switzerland to Panama bow to international pressure, billions of dollars are moving around the world in search of safer havens just as the options are shrinking.

Moving onshore

The Central Bank of the Bahamas reported in May that the pressure for global tax transparency had caused a “significant strategic shift from offshore to onshore wealth management” in many territories including its own.

An estimate from the Boston Consulting Group attached a number to that belief, saying that offshore wealth held by investors in developed nations — North America, western Europe and Japan — declined by 3 per cent in 2015.

Diamonds: Super secure vaults are being set up in large cities to house expensive assets © Bloomberg

Much of this will have been repatriated using tax amnesties that have raised tens of billions of dollars for governments across the world. From Indonesia to Italy, France and Fiji, at least €55bn have been clawed back. The Service de Traitement des Declarations Rectificatives (STDR), France’s tax regularisation programme initiated in 2013, has recovered an estimated €6.3bn from some 19,000 taxpayers.

The fear of exposure is persuading millions of people to come clean. But not everyone is prepared to do so. Philip Marcovici, a tax lawyer who advised Liechtenstein on its early move to lift its bank secrecy measures, says some are deterred by fears that information will fall into the hands of corrupt officials and hackers leading to kidnap, ransom and identity theft.

But the fallout from the Panama Papers, the leaked documents that exposed illicit aspects of offshore finance in April, has intensified demand for greater transparency. France, for instance, responded by setting up a public register of trusts. It was soon suspended following a legal challenge by an 89-year-old American woman, as the judge ruled the register could have disclosed the beneficiaries of her estate.

>100

Countries will exchange bank information through the Common Reporting Standard system from December 31

Howard Sharp, Jersey’s former solicitor general, believes more legal challenges are likely. One reason for that, he says, is that the automatic exchange of information involves “picking up vast amounts of data and simply providing it to a range of public bodies without any real filtering process”.

In the meantime, people are looking for other ways round the rules. Arthur VanDesande, a retired senior special agent for the US Internal Revenue Service, says investors are buying and storing expensive assets, such as diamonds and art, rather than holding cash, partly due to low interest rates but also the evasion crackdown.

“A lot of people [are] willing to take the risk of purchasing $3m, $4m or $5m of stones and sticking them in a safe-deposit box.” Items too big to store in safe- deposit boxes can be stashed in the super secure vaults being set up in many large cities, he adds.

Bending the rules

Individuals with more conventional investments can often also get around the rules. Peter Cotorceanu, an international tax lawyer, describes himself as “an information exchange avoidance expert”. He likens his job to “three-dimensional chess”, as he devises structures that avoid different layers of reporting rules put in place by Fatca, CRS and registers showing the ultimate owners of companies and trusts.

He says the scope for dodging the rules depends on whether a client is a US citizen, and so caught by Fatca, or not. “To avoid Fatca is virtually impossible. To avoid CRS not so much.”

The reason is simple: there are likely to be big gaps in the CRS networks, at least initially. While all countries must meet certain standards on data protection, some are choosing to impose extra hurdles that will limit the number of countries that can receive the data.

Switzerland, for example, is selecting exchange partners according to whether they offer taxpayers “sufficient scope for regularisation” — leniency for disclosing undeclared accounts — and are willing to discuss market access for the financial services industry.

These gaps have big implications for emerging nations — especially in Africa, where Gabriel Zucman, a Berkeley economist, estimates that as much as 30 per cent of financial wealth is held offshore.

Art:’Nympheas avec Reflets de Hautes Herbe’ was seized after the US authorities filed a lawsuit that alleged it was linked to alleged misappropriation of 1MDB funds © AFP

Andres Knobel, a Buenos Aires-based consultant for the campaign group the Tax Justice Network, says developing countries need transparency more than anyone else. “The alternative, of ensuring secrecy, is exactly what tax havens want. They know they had to concede to the US and the EU but they want to protect the secrecy for the elites in developing countries.”

In some territories affected by CRS, such as Europe, there are ploys to get round the new reporting rules. Some individuals are looking to take advantage of the different measures applying to information exchange in the US. Trusts on offer in US states such as South Dakota are a popular route to escape the new secrecy rules. Simply by appointing a local trustee and a foreign “protector” — an individual to direct the trustees — trusts can avoid scrutiny under US and international rules.

Pre-election speculation that these tactics would backfire if a Democratic administration in Washington agreed to join the CRS has evaporated with the election of Donald Trump. Indeed, some experts think a Trump administration may repeal Fatca, the introduction of which was strongly opposed by the Republican party.

‘Gaping’ loophole

Mr Marcovici says the US provides a “gaping” loophole in the international tax rules. While Fatca provides the US with extensive information about its citizens’ foreign accounts, the information provided by the US to other countries is more limited.

The room for manoeuvre, however, is narrowing for those determined to evade tax, he says: “It is so clear the world is moving to transparency that in this last gasp of secrecy to rely on loopholes is a very dangerous thing”.

Dangers lie ahead as governments gain more information about the wealth of their citizens, he adds. “Will it tempt them [the authorities] to grab more? The answer is yes. We are in a world with populist politicians and the more they know the more dangerous it is.”

$10tn

Is held in offshore funds, according to the Boston Consulting Group, which estimates that the total rose
3 per cent in 2015

The ability of governments to increase taxes on the rich depends in large part on how easily those individuals can move their money to avoid it. A paper by the Paris-based OECD on how governments design their tax systems concluded that automatic exchange of information “can be expected to reduce the mobility of capital” and so make it easier for governments to tax wealth and capital income.

The OECD, which designed CRS, conceded however that for some moving country would remain an option.

But moving is no longer straightforward. A growing number of countries including the US, Canada, France, the Netherlands and Japan impose exit taxes when people leave. Moreover people sometimes find it hard to convince the authorities where they once lived that they have genuinely moved.

Christian Kalin, chairman of Henley, a residency planning firm, believes the automatic exchange of tax data will increase the number of people moving for tax purposes. “The future will not only be more transparent but it will also be more mobile.”

Some countries offering low tax rates to attract wealthy residents do not insist they have to live there. Indeed, the lack of any physical presence requirements are quietly advertised as a ruse to circumvent reporting under the CRS.

Pascal Saint-Amans, the top tax official at the OECD, says the residence-by-investment schemes offered by governments such as Malta, Cyprus and some in the Caribbean will not undermine the transparency drive. “We are working on this. It will not survive long.”

Faking a relocation will not work, says Mr Marcovici. “A lot of people think it’s enough to have the right to live in the Bahamas. It’s not enough, you have to actually live there. You have to choose somewhere you actually want to be.”

Investors anxious about the exposure of their tax affairs face a stark decision, he adds. “More than ever [before] you only have two choices: play by the rules of your country or get out of your country.”

Sliema, St Julian’s for Malta’s new IIP citizens

Sliema, St Julian’s preferred choices for Malta’s new IIP citizens

Sliema and St Julian’s were confirmed as the most popular locations among foreigners seeking to purchase or lease property as per requirements by the Individual Investor Programme to buy Maltese citizenship

“Many did not feel that such other schemes posed any significant threat, claiming that although these might be faster, cheaper and less stringent, Malta’s IIP has a more competitive edge since it enjoys a better reputation and was significantly boosted by the fact that it is the only scheme endorsed by the EU,” the Regulator said.

MALTAWAY: INVESTING IN MALTA IN THE CALM WATERS OF A COUNTRY STABLE AND SAFE

When the Central Bank published a report on the increase in property prices, it unsurprisingly flagged the Individual Investor Programme as one of the schemes feeding the demand for property.
A report by the IIP Regulator, tabled in parliament last week by the Justice Minister, showed that the sale of 27 properties alone in 11 months amounted to over €28 million. Unsurprisingly, Sliema and St Julian’s were confirmed as the most popular locations among foreigners seeking to purchase or lease property as per requirements to buy Maltese citizenship.

Out of 134 properties, a report prepared by IIP Regulator Carmel De Gabriele found that a total of 95 properties were purchased or leased in Sliema and St Julian’s between July 2015 and June 2016.

The value of purchased properties – which included two in Valletta, and one each in Mellieha, Swieqi, Ta’ Xbiex and Sannat in Gozo – averaged €1.05 million.

The IIP has proven to be a solid source of revenue for the government: since the launch of the IIP until June, over €54 million were deposited in the National Development and Social Fund; over €23 million were deposited in the consolidated fund whilst Identity Malta Agency (IMA) received some €7 million.

IIP concessionaires Henley & Partners received €5.8 million.

Between June 2015 and July 2016 alone, contributions collected by IMA amounted to €166,550,000, which equates to approximately 1.81% of the GDP relative to the same period.

A total of 241 applications for Maltese citizenship were approved in 11 months, and 52 were rejected between June 2015 and July 2016

A total of 241 applications for Maltese citizenship were approved in 11 months, and 52 were rejected between June 2015 and July 2016

In terms of investments in government stocks, the amount invested in stocks during this period totalled over €20 million – add the €6.4 million generated prior to July 2015, and the total reaches €26,733,764.

The 52-page report delves into various aspects of the IIP, and goes as far as launching investigations into cases flagged by the media – as it did with a MaltaToday report on ‘letterbox millionaires’ – and summarising interviews with staff at Identity Malta and accredited agents.

The highly detailed report follows the management of the IIP between July 2015 and June 2016, and is the first to be drafted by De Gabriele since taking up the post of regulator in February from his predecessor, Godwin Grima.

In his foreword, De Gabriele also noted that recommendations put forward by Grima in the previous report were “still under consideration” by the government.

During the period under review, the Regulator noted a regular inflow of applications – 450 in all – as well as a substantial increase in the applications brought to fruition.

A total of 241 applications for Maltese citizenship were approved in 11 months, and 52 were rejected.

On average, the number of applications received per month ranged between 34 and 44. The number of dependants amounted to 1,186 – on average, each application contained one main applicant and three dependants.

According to De Gabriele, the findings were “a clear indication of the enormous success of the programme, in just under 30 months of its official launching”.

Prior to applying for Maltese citizenship, the majority of main applicants, 391, only had one citizenship. But 55 main applicants already had two different citizenships; four others had three citizenships.

80% of the applicants opted to lease, with the rest of the 20% purchasing a property. Sliema and its immediate environs remained the most popular areas, although more property was leased when compared to purchased property.

In the case of leased property, the rental value for the duration of the five-year contract is projected to be over €13 million, averaging €125,346.14 per contract, the Regulator said.

As at end June 2016, the number of accredited agents stood at 132. With a number of European countries following in Malta’s footsteps and launching their own citizenship programmes, agents told the Regulator that they were not “overly worried” about this.

“Many did not feel that such other schemes posed any significant threat, claiming that although these might be faster, cheaper and less stringent, Malta’s IIP has a more competitive edge since it enjoys a better reputation and was significantly boosted by the fact that it is the only scheme endorsed by the EU,” the Regulator said.

80% of the applicants opted to lease, with the rest of the 20% purchasing a property

80% of the applicants opted to lease, with the rest of the 20% purchasing a property

A few agents, the report adds, commented negatively on the scheme, claiming that the problems which they were encountering – at every level of the process – were becoming progressively worse up to the point of questioning the feasibility of continuing to participate.

Some agents also complained that the concessionaire would always be at an advantage “because top government officials always seemed to participate in their related activities” – one of whom is Prime Minister Joseph Muscat.

A number of agents also criticised “what they consider to be a certain degree of bureaucracy”, complaining that IMA’s response to any external criticism “was to swamp the processes with even more paperwork”.

Staff at Identity Malta told the Office of the Regulator that the agency was struggling to cope with frequent staff turnover and with a lack of human resources.

http://www.maltatoday.com.mt/news/national/71590/sliema_st_julians_preferred_choice_for_maltas_new_iip_citizens#.WC1s-KIrJo4

MALTA leader in EU con i migliori dati macro economici

MALTA leader in EU con i migliori dati macro economici e presidenza 1 semestre 2017

Per chi avesse ancora dei dubbi sulla situazione Europea, porto ad esempio i 2 paesi che meglio conosco per un confronto con alcuni numeri chiave di forecast sino al 2018 …. e poche parole, solo fatti del 2015 e 2016, chi continua a diminuire il debito e le tasse, chi continua a chiedere flessibilità che vuol dire aumentare un deficit e un debito già insostenibile

La Commissione europea ritiene che otto paesi della Zona euro presentano un rischio di non conformità con il patto di stabilità e di crescita dell’UE.

Mercoledì 16 novembre, la Commissione europea ha respinto le previsioni di bilancio per il 2017 presentate da Italia, Spagna, Portogallo, Belgio, Finlandia, Slovenia, Cipro e Lituania.

MALTA:

maltaway-malta-previsioni-macro-2018

ITALIA:

maltaway-italia-previsioni-macro-2018

Per i dati di tutta Europa, guardate qui di seguito

Autumn 2016 Economic Forecast: Modest growth in challenging times
Commission forecasts 2017 euro area growth of 1.5% and EU growth of 1.6% hindrances to growth and the weakening of supportive factors. Economic growth in Europe is expected to continue at a moderate pace, as recent labour market gains and rising private consumption are being counterbalanced by a number of hindrances to growth and the weakening of supportive factors. In its autumn forecast released today, the European Commission expects GDP growth in the euro area at 1.7% in 2016, 1.5% in 2017 and 1.7% in 2018 (Spring forecast: 2016: 1.6%, 2017: 1.8%). GDP growth in the EU as a whole should follow a similar pattern and is forecast at 1.8% this year, 1.6% in 2017 and 1.8% in 2018 (Spring forecast: 2016:1.8%, 2017: 1.9%).

PERCHÈ MALTA?

SCOPRI PERCHÈ È VANTAGGIOSO VIVERE, INVESTIRE, FARE BUSINESS A MALTA

MALTA è la nuova Svizzera e il meglio del Nord Europa in mezzo al Mediterraneo, il posto migliore per il successo, lo sviluppo e la protezione di una Corporation, del suo Business, dei suoi Assets

MALTAWAY: UN SUPPORTO PROFESSIONALE PER INVESTIRE, FARE BUSINESS E VIVERE A MALTA

MALTAway è un portale che nasce con una visione olistica di servizi integrati di Corporate Services, Tax & Legal, Management Consulting, Governance, Investment, Business Advisory, Relocation, rivolti al mondo Corporations, Business, Finance, HNWIs

Maltaway: la nostra conoscenza del mondo, dell’Italia e di MALTA come fattore del Vostro successo!

Malta, in banca o al bancomat prelevi tutto quello che ti appartiene

Qui a Malta la proprietà privata è sacra, compresa quella per il tuo denaro, cash o elettronico.

MALTA:

maltaway-malta-prelievi-bancomat

La società è inclusiva verso chi ne ha davvero bisogno, ma qui inclusiva non significa affatto includere chi ha comportamenti criminali di qualsiasi natura, che si tratti di cittadini del paese o stranieri

Vi aspettiamo a Malta con

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

 

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide


ITALIA:

maltaway-italia-limiti-prelievi

In Italia invece ricambiano le regole riguardo ai prelievi dai propri conti correnti, in particolare per quel che riguarda i bancomat. Novità che fanno parte di quel pacchetto di decisioni da parte del Governo Renzi, con la normativa che in questo momento stabilisce che l’uso del contante è di fatto vietato a partire da una cifra che superi i 3000 euro.

E proprio in relazione all’utilizzo eccessivo dei contanti rientra anche l’emendamento approvato nel decreto fiscale che, di fatto, potrebbe cambiare e non poco i movimenti sui conti correnti. Con il nuovo decreto fiscale adesso le nuove regole fissano un limite ai prelievi giornalieri o nell’arco di 30 giorni: mille euro al giorno e 5mila mensili di fatto sono i nuovi limiti fissati. Ma cosa succede se si superano queste soglie?

Chi preleverà una somma che supera i mille euro in un giorno o i cinquemila in un mese rischia seriamente di entrare nel mirino del Fisco e dell’Agenzia delle Entrate. Le norme fiscali in merito, infatti, prevedono che scattino delle sanzioni nel momento in cui chi ha il conto corrente non riesce a giustificare le somme che vi sono depositate.

Le nuove regole riguardano la lotta al nero e all’evasione fiscale e prevedono che commercianti, imprenditori, ma anche risparmiatori effettuino i pagamenti utilizzando metodi rintracciabili, quindi assegni, carte di credito, bancomat o bonifici, limitando al massimo l’utilizzo di contanti. Nel caso di prelievi troppo frequenti e sostanziali, infatti, se i titolari del conto corrente non riusciranno a giustificare le somme depositate potranno essere pesantemente sanzionati, anche con la tassazione del reddito. Nel caso, dunque, di spese e prelievi è consigliabile conservare la relativa documentazione, cioè possibili fatture, scontrini o ricevute da usare per l’eventuale contestazione del Fisco.

https://it.finance.yahoo.com/notizie/bancomat-novita-in-arrivo-per-chi-preleva-122834256.html


Oltre 1000 o 5000 euro scatta la presunzione di compensi per i prelievi non giustificati.

Dal 16 Nov 2016, chi preleva dal conto corrente una somma superiore a mille euro in un giorno o a cinquemila euro in un mese potrebbe essere oggetto di indagini da parte dell’Agenzia delle entrate. Viene infatti fissato un limite numerico alle operazioni sul proprio conto oltre il quale scatterà automaticamente una presunzione di “nero” qualora il contribuente non riesca a dimostrare il contrario. È questo l’emendamento più allarmante appena approvato al decreto fiscale e che rischia di costituire un vero e proprio spauracchio per contribuenti e risparmiatori. Difatti, benché la normativa sulla tracciabilità dei pagamenti stabilisce che l’uso dei contanti è vietato solo a partire da 3.000 euro, e nonostante i chiarimenti ministeriali secondo cui tale limite non si applica a prelievi e versamenti sul conto corrente (per i quali non vi è alcun tetto), la nuova norma vorrebbe imporre ai correntisti un vincolo particolarmente forte, almeno per quanto riguarda gli imprenditori. Ma procediamo con ordine.

Soldi sul conto corrente: cosa ne puoi fare?

Se è vero che nel conto corrente ci sono soldi tuoi e, in linea teorica, dovresti essere libero di farne quello che vuoi, ivi compreso prelevarli nella misura e nei tempi che preferisci, di fatto non è così: salvo per i professionisti (per i quali sussiste una sentenza della Corte Costituzionale che li salva da questo regime [1]), tutte le volte in cui le cause del prelievo o del versamento in banca non possono essere dimostrate al fisco, quest’ultimo (o meglio, l’Agenzia delle Entrate) può presumere che, dietro l’operazione, si nasconda un’attività in nero. Scatta quindi il recupero a tassazione di quel reddito. Insomma una vera e propria sanzione per chi non sa dire da dove provengono o dove finiscono i suoi soldi sul conto corrente. Un principio che la legge stabilisce, in modo netto e chiaro per gli imprenditori, ma che spesso è stato applicato anche ai lavoratori dipendenti. La possibilità di effettuare un accertamento fiscale per prelievi o versamenti consistenti di denaro sul conto non ha salvato, infatti, in passato, neanche il lavoratore con reddito fisso, come il normale lavoratore dipendente (di norma ritenuto sempre al riparo dai sospetti dell’Agenzia delle Entrate). La giurisprudenza, infatti, ammette – sebbene non in via sistematica, ma solo laddove le evidenze di una possibile evasione fiscale siano conclamate – gli accertamenti bancari anche sui risparmiatori. Sicché è sempre bene, anche in tali ipotesi, conservare traccia dell’impiego del denaro contante a seguito di prelievo o versamento.

Si tratta, ovviamente, solo di una «presunzione» contraria al contribuente, che opera per di più in automatico, ma che consente sempre la prova contraria. Una prova, tuttavia, non sempre facile da raggiungere atteso che, spesso, dopo molto tempo, si perde traccia e memoria delle ragioni dei propri spostamenti monetari. Ecco allora che, oltre a una corretta causale, è sempre meglio conservare un archivio con le pezze giustificative dell’impiego di consistenti somme di denaro.

La nuova norma

La nuova norma vuole imporre un limite numerico per le presunzioni sui prelievi degli imprenditori e imprese: la possibilità che il prelievo divenga ricavo sussisterà al superamento di limiti giornalieri e mensili fissati, rispettivamente, a mille e 5 mila euro. Viene così integralmente riscritta la norma [2] in base alla quale i prelievi possono costituire “compensi”. Il legislatore interviene affermando come la norma in questione potrà operare al ricorrere di un requisito «numerico»: la presunzione contraria al contribuente, per i prelievi non giustificati, scatterà solo se viene superato il limite giornaliero di mille euro e, comunque, quello di 5 mila euro mensili. Entro invece tale limite siamo dinanzi a una sorta di «franchigia» entro la quale il problema non dovrebbe sussistere. Al contrario, superate le predette soglie la norma potrebbe essere azionata ma, si ritiene, soltanto per l’eccedenza rispetto alle stesse.

La presunzione legale continuerà, quindi, ad operare soltanto per le somme che superano tali importi, in relazione alle quali si ritiene resti possibile fornire la prova contraria dimostrando «la loro coerenza con il tenore di vita rapportato al volume d’affari dichiarato».

 

[1] C. Cost. sent. n. 228/2014.

[2] Art. 32, comma 1, n. 2) del dpr 600/73.

MALTA for EU companies, a place to be

MALTA for EU companies, a place to be

4 of every 5 companies plan to still be in Malta 10 years from now

A total 79 per cent of companies currently operating in Malta predict they will still be on the island in 10 years time, EY’s Malta Attractiveness Survey 2016 has found.

This was an eight per cent increase over last year’s figure.

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

SERVIZI SOCIETARI, CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE, GOVERNANCE, TASSE, LEGALE, CONSULENZA SOCIETARIA

“The ability to commit to Malta over such a time frame is considered to be the successful direct result of Malta’s consistently positive performance over a number of years in various areas,” the report says.

But EY’s report also found that business confidence in the stability and transparency of Malta’s political, legal and regulatory environment has plummeted by 15 per cent since last year.

EY’s report found that:

  • 87 per cent of investors find Malta to be an attractive location to do business in.
  • 58 per cent believe Malta will remain attractive in three years’ time. 39 per cent were non-committal on the issue.
  • More than half of those surveyed said they intended to expand their operations in Malta within a year.

The report found that Malta’s corporate taxation structure continues to be the most attractive parameter to attract Foreign Direct Investment. The country’s social climate was also a significant draw, as was its political stability and transparency, despite the aforementioned 15 per cent drop.

On the other hand, Malta’s domestic market, its underdeveloped research & development and innovation market and transport infrastructure were the three key areas highlighted as weaknesses in attracting FDI.

iGaming continues to be the business sector most respondents believed would dominate the local market (71 per cent), followed by ICT and telecoms (50 per cent), fund administration (46 per cent), and asset management (46 per cent).

All respondents from the banking sector believe that asset management will be the sector leader in the near future.

Even though the property and real estate sector is widely thought of as an economic driver, few foreign direct investors thought so

Even though the property and real estate sector is widely thought of as an economic driver, few foreign direct investors thought so.

This sector was ranked third-from-last (with 29 per cent of mentions), followed by pensions (28 per cent) and trust administration (23 per cent).

Although iGaming continued to top the list of sectors (an increase of 11 points over last year’s results) respondents believe it will drive Malta’s growth into the future, but was still considered to be relatively easy for the sector to leave Malta’s jurisdiction.

On the other hand, the regulatory stability and competitive legislative framework, as well as additional inter-linkages being built with locally-based companies providing services to such iGaming companies, make it more attractive to remain and continue to invest in Malta.

Similarly, ICT and telecoms were seen by existing investors to be important for Malta in the future, as are areas in the wider financial services field.

Malta’s experience in these areas had to be emulated in the new sectors, which had been on the radar for the last few years, including FinTech, commodities trading, logistics, other ancillary offerings for Asian e-commerce, and sustainable transport solutions.

The majority of surveyed investors thought Malta would still be attractive for FDI in three years’ time. Those holding the opposite view were relatively small (four per cent).

Sixty-six per cent of the financial services and 56 per cent of manufacturing respondents believed Malta would still be an attractive destination for investment in three years’ time.

Greater uncertainty was present in other sectors, such as iGaming, telecoms and ICT with half the respondents from sectors not able to reply to this question.

Although this lack of certainty might be of concern, there was an increase of six points in the yes responses for these industries when compared to last year’s results.

Investor concerns were mainly focused on Malta’s ability to retain its fiscal independence in setting tax legislation and the availability of skilled human resources in certain industries.

 From Times of Malta

MALTA rate A- by Standard & Poor’s

MALTA rate A- by Standard & Poor’s

Malta has been given its first credit upgrade by Standard & Poor’s in 20 years

2016-2019 risultati economici straordinari e economia a gonfie vele, il meglio in Europa, grazie alla capacità competitiva e di attrazione dei migliori cervelli e capitali, numeri reali e non parole, questa è la forza del MALTA way

  • Deficit inferiore all’1%
  • Debito sul PIL al 53%
  • Crescita PIL reale (al netto inflazione) +3%
  • Surplus partite correnti sul PIL al 1,9%
  • Una crescita del PIL dal pre-2009 del 25%
  • Uno sviluppo economico e sociale non spinto da fattori finanziari ma da una crescita occupazionale straordinaria in particolare per le donne

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio
Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

maltaway valletta malta


Consistent improvement in qualitative and quantitative fiscal performance, with general government deficits below 1% in 2016-2019 and tighter management of contingent liabilities; and durable current account surpluses–at 1.9% of GDP on average in 2016-2019– reflecting an improvement in Malta’s fundamental external position.

  • The Maltese economy will expand in real terms by 3% a year on average in 2016-2019, while running consistent current account surpluses with only modest credit growth.
  • Budgetary consolidation expected to continue gradually, reducing net general government debt to 53% of GDP in 2019 from 58% in 2015.
  • Long-term sovereign credit ratings on Malta raised to ‘A-‘ from ‘BBB+’.
  • The outlook is stable, reflecting S&P’s view that the upside potential of Malta’s economic and fiscal performance is counterbalanced by downside risks related to Brexit, external flows, and the structure of the financial sector.

S&P described Malta as being in the midst of one of the strongest medium-term economic expansions in the eurozone, with the second-highest average GDP growth rate in 2010-2015 (after Ireland) and the third-highest expected real GDP growth in 2016-2019. By the end of this year, S&P anticipate that Malta’s economy will exceed pre-2009 levels by more than 25%.

“We also consider that most of the rise in Maltese incomes since 2009 reflects genuine expansion of the domestic economy’s capital base, particularly in services, rather than accounting effects based on tax-motivated changes in the residency of productive assets.”

One of the key drivers of Malta’s solid economic performance is the expansion of the labor supply, on the back of net migration (which added 1% to the population in 2015 alone) and the accompanying increase in employment, especially of women.

Over the past 10 years, the employment rate for those aged between 20 and 64 years has increased to 68% from 58%, fueled by rapid growth in the employment of women to 54% from 36%.

Another major factor is investment growth, mainly comprising large-scale projects in education, healthcare, tourism, and transport industries, as well as energy projects, including the conversion of power stations to cheaper energy sources and the gradual integration of Malta’s power system into the European grid.

As a result, electricity prices now resemble EU averages, and new businesses have easier access to electricity.

Malta has a very open economy, with exports in excess of 140% of GDP, of which more than three-quarters are service exports, such as tourism, e-gaming, and logistics.

Brexit and its implications

Being open and small, the Maltese economy is exposed to potential external shocks, the largest being the possible disruption to trade and financial markets from a U.K. Brexit or departure from the EU as a result of the June 23 referendum.

“In our base case, we project that the medium-term consequences of Brexit will be contained. U.K. arrivals generate almost 30% of Malta’s tourism receipts, and the weaker sterling is likely to drag on services exports to the U.K. “However, given that it is already facing supply constraints, the tourism sector can, in our view, easily fill the gap from other markets. The implications of Brexit for Malta’s financial services are less clear cut and would mostly occur through financial institutions other than domestic banks.

“If the asset management industry in the U.K. slows, Malta-based investment funds may generate fewer services exports, which would cut export growth, but this, in and of itself, is unlikely to create balance-of-payments risks.”

Overall, S&P considers the financial services industry to be sufficiently diversified to contain the risks related to Brexit.

Judicial framework constraints business environment

Malta’s tax regime has been an important factor in attracting investment in some sectors, but initiatives such as the Anti-Tax Avoidance Directive (ATAD) may challenge some aspects of the regime. In addition, despite ongoing reforms, the business environment in Malta is still constrained by Malta’s judicial framework, leading to slow contract enforcement. Nevertheless, we see Malta’s overall political and institutional framework as broadly supportive of creditworthiness, demonstrated, for example, by structural reforms that generated the employment increase mentioned above and lifted potential economic growth.

“We believe that Malta’s favorable economic growth prospects support further budgetary consolidation.

S&P forecasts that the general government deficit will decline gradually through 2019, and it expects net general government debt will decrease to 53% of GDP by the end of 2019, from 56% in 2016.

This excludes the guarantees related to the European Financial Stability.

“We forecast general government interest payments will average under 6% of general government revenues per year in 2016-2019.”

Malta’s contingent fiscal liabilities, stemming from government-guaranteed debt of nonfinancial public enterprises (NFPEs), will likely total about 16% of GDP in 2016.

http://www.maltatoday.com.mt/business/business_news/70594/standard__poors_raises_maltas_rating_to_a#.WAR3R5N95o5

La Bussola del Successo: le regole per essere vincenti, restando liberi

La Bussola del Successo: le regole per essere vincenti, restando liberi – Paolo Gallo

Rizzoli-Etas, disponibile dal 1 Settembre 2016

« Il Viaggio più importante della nostra vita non è quello in terre lontane ma quello dentro di noi »

Nel mio passato professionale ho ricoperto ruoli similari a quelli dell’autore ed ho sperimentato modelli di Leadership, Organizzativi e di Governance differenti, non rimasti sulla carta e nei codici etici o nelle interviste alla stampa, ma applicati realmente in alcune organizzazioni perchè gli stakeholders, che a partire dagli azionisti sono persone reali, le condividevano, rispettavano e promuovevano

Raramente in Europa mi sono trovato così allineato con il pensiero e l’azione che questa bussola rappresenta, questo è il motivo per cui lo condivido … libertà e responsabilità, la mia esperienza evidenzia che i piccoli e quasi innocui compromessi portano alla rovina delle organizzazioni (a parte quelle protette dagli oligopoli) e alla disfatta della libertà degli individui

Vi invito a guardare ad esempio il caso recente di Wells Fargo (Wells Fargo and the Slippery Slope of Sales Incentives, even a strong compliance function can’t counteract a compromised culture), la piú grande banca retail americana, dove il modello di compensation e la cultura aziendale stanno impattando pesantemente sul suo vertice (dimissioni di ieri) e sul suo business (interi stati americani che ritirano i mandati per centinaia di milioni di dollari).

…. “Ma così i peggiori selezionano i peggiori. Non esiste speranza di miglioramento, per le organizzazioni che non funzionano. Sta dicendo, in pratica, che Diego Piacentini di Amazon avrebbe fatto bene a restarsene lì, invece che accettare la missione di digitalizzare la pubblica amministrazione italiana…
Dal punto di vista dell’organizzazione è un bene che ci sia gente che prova a cambiare i contesti che non funzionano. Ma io guardo agli individui. A un giovane consiglierei tutta la vita di evitare di fare Don Chisciotte con i mulini a vento” ….

A questo proposito e per confronto, vi invito a leggere, osservare e capire, il caso dell’Estonia, un piccolo paese parte dell’Europa dove per necessità e volontà condivisa dalla maggioranza del paese, anche contro gli interessi di albi professionali, dipendenti pubblici ecc., è stato messo al vertice dei processi della pubblica amministrazione un CIO (Taavi Kotka) con pieni poteri e deleghe che ha saputo dare una svolta alla digitalizzazione del paese… i risultati sono visibili a tutti e reali (a ‘country as a service’), oppure a vedere i successi di Malta dove ora vivo nelle practice di e-Government. Insomma, ci sono gli individui e le tribù … la loro relazione con l’ambiente è il cambiamento, ci si attrae per valori comuni e ci si allontana per comportamenti non condivisi

MALTAWAY, per il tuo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, BOARD GOVERNANCE & NON EXECUTIVE DIRECTOR (NED) 

maltaway-gallo-bussola-del-successo

Siamo agli inizi della quarta rivoluzione industriale, in un’epoca veloce, alle volte brutale e di radicale trasformazione, non solo tecnologica. Abbiamo bisogno di ancorare la nostra vita di lavoro con i nostri valori. Il libro “La bussola del successo” ridefinisce il concetto di “avere una carriera di successo”. Non una corsa forsennata, tutti contro tutti, in cui pochi eletti vincono – alcuni imbrogliando – ma qualcosa di più profondo, significativo e rilevante, possibile per tutti noi. Sono pagine ed insegnamenti che ci aiuteranno a ragionare, basati su studi, ricerche e storie vere, collezionate in 25 anni di esperienza dell’autore. Questo libro aiuta a fermarsi a riflettere su chi siamo, cosa rappresentiamo e come possiamo avere una carriera di successo autentico con la nostra integrità, passione e talento. Tutti noi possiamo avere una carriera di successo e sviluppare il nostro talento. Tutti noi possiamo diventare eroi positivi, imparare le regole per essere vincenti, rimanendo liberi.

Paolo Gallo è Chief Human Resources Officer al World Economic Forum dal 2014. E’ stato Chief Learning Officer presso la Banca Mondiale a Washington DC e per sei anni come Direttore delle Risorse Umane presso la BERS a Londra. Paolo Gallo ha lavorato alla International Finance Corporation a Washington DC e all’inizio della sua carriera presso Citigroup Investment Banking a Milano, Londra e New York. Paolo Gallo è un coach certificato presso la Georgetown University, laureato presso l’Università Bocconi di Milano e Chartered Fellow FCIPD, Regno Unito, collabora con l’Università Bocconi e Hult-Ashridge Business School UK

Intervista all’autore pubblicata su LINKIESTA «Le regole per lavorare felici? Seguite il talento, non la passione. E non sacrificate la libertà per il successo»

Amazon (carta)

Kobo (ebook)

Anteprima del Libro:

Introduzione

IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA

Mio padre aveva fatto una promessa impegnativa a me e a mia sorella gemella: sarebbe stato presente per il nostro primo giorno di scuola. Lavorava in Brasile e ritornava in Italia solo due volte all’anno, in agosto e a Natale. Giunto finalmente il fatidico giorno, quando ci svegliammo nostro padre non era a casa. Provammo una grande delusione, stemperata però dall’eccitazione di cominciare la scuola. Il primo giorno passò velocemente; quando squillò la campanella d’uscita, mio padre ci stava aspettando ai cancelli. Vederlo fu per me una gioia incontenibile e, insieme a mia sorella, gli saltai in braccio. Durante il tragitto per tornare a casa, lo inondammo con le nostre storie: cosa avevamo fatto, i nomi dei nuovi compagni di scuola, la maestra, la lavagna con tutti i gessetti colorati, la mappa dell’Italia sulla parete. A casa, durante il pranzo continuammo a raccontare. Alla fine del pasto mio padre volle parlare prima con mia sorella e poi con me; quindi lo seguii in salotto, dove mi invitò a sedermi di fronte a lui. Restò in silenzio alcuni secondi, poi mi guardò negli occhi e mi disse: “Paolo”, era la prima volta che mi chiamava con il mio nome, in famiglia per tutti ero sempre Paolino. “Paolo, da domani non dire che cosa hai fatto, ma chiediti se ami quello che fai, che cosa hai imparato e se sei riuscito ad aiutare gli altri: il resto non conta.” Mi mise una mano sulla spalla, mi guardò ancora negli occhi, come se fossi un adulto, e si alzò. Poche ore dopo, riprese l’aereo per tornare in Brasile: aveva mantenuto la sua promessa. Tra i milioni di parole che ho ascoltato e letto nel tempo, quella frase di mio padre, pronunciata il 1° ottobre 1969, è quella che ha maggiormente influenzato la mia vita. Cosa ho appreso da quella frase? Ho imparato a non pensare alle risposte corrette se non ho formulato le giuste domande: amo quello che faccio? Sto imparando qualcosa? Sto aiutando qualcuno? Il resto non conta. Lavoro da molti anni come responsabile della funzione del personale, chiamata anche Human Resources: nello svolgere il mio lavoro, ho potuto verificare quanto sia più importante partire dalle domande giuste, piuttosto che cercare di indovinare le risposte. Albert Einstein disse: “Se avessi solo un’ora per risolvere un problema e la mia vita dipendesse dalla soluzione, passerei i primi 55 minuti a capire quale sia la domanda giusta da porsi”. Ho potuto osservare centinaia di carriere e mi sono chiesto: “Come mai solo alcuni di noi hanno successo, molti si limitano a sopravvivere e tanti, troppi, falliscono?”. Abbiamo scelto un lavoro in base alla nostra passione e al nostro talento? Abbiamo capito le regole del gioco, la cultura organizzativa, per evitare di essere lost in translation, perduti nella traduzione? Siamo riusciti a costruire la fiducia, di chi ci possiamo fidare? Che prezzo siamo disposti a pagare per far carriera? Quando è il momento giusto di andarsene? Come valutiamo il successo professionale? Come rimanere liberi? Cosa conta veramente? Questo libro cerca, sempre partendo da domande, di fornire spunti di riflessione, strumenti e suggerimenti pratici per avere, o per meglio dire, essere una carriera di successo definita però secondo parametri decisi da noi stessi, non da altri e certamente non impostati solo sul profitto e su come fare carriera a tutti i costi, senza riflettere sulle conseguenze. Lo so, alcuni mi prenderanno per matto o anche peggio, mi considereranno una persona viziata e choosy e mi ricorderanno che è già un miracolo avere un lavoro. Sono argomenti comprensibili: anche solo ipotizzare di scegliere un lavoro, considerati i tassi di disoccupazione altissimi, può sembrare un’utopistica via di mezzo tra un lusso di altri tempi e un sogno poco realistico, se non addirittura irrealizzabile. Invece io sono convinto dell’esatto contrario. Solamente scegliendo e costruendo una carriera allineata ai nostri valori, ai nostri scopi e alle nostre motivazioni profonde, saremo in grado di fare un ottimo lavoro e di conseguenza avremo successo e gratificazioni. In questo piccolo gioco di parole, si cela uno dei segreti: se scegliamo consapevolmente la professione e la cultura giusta per noi stessi, non faremo un lavoro ma saremo il lavoro che facciamo. Parlo di autenticità, di essere ciò che facciamo, di non recitare per otto ore al giorno. Ho partecipato alla festa di pensionamento di una persona che aveva passato 28 anni nella stessa organizzazione. La sua ultima frase è stata: “Sono venuta in ufficio per quasi trent’anni, ma ho sempre lasciato il cuore a casa mia”. Una tristezza infinita, una vita professionale buttata al vento, un talento sprecato, tanti anni di recite mediocri, per giunta pagata maluccio. Ne valeva la pena? Se scegliamo una carriera sulla base di criteri erronei o stabiliti da altri, saremo eventualmente costretti a recitare in una squallida commedia scritta da altri in cui abbiamo solo una particina insignificante. Quando andiamo al ristorante chi sceglie cosa mangiamo? Noi vero? Bene, se siamo perfettamente capaci di scegliere in autonomia su questioni marginali come un piatto al ristorante, a maggior ragione abbiamo il dovere di farlo riguardo alla nostra carriera, perché siamo noi gli autori delle nostre scelte professionali. A questo proposito, Viktor E. Frankl, autore del libro Uno psicologo nei lager, ci ha lasciato un insegnamento fondamentale: ci possono portare via tutto ma non la possibilità di compiere scelte autonome, anche nelle situazioni più disperate. Il volume è composto da storytelling, storie tratte da varie fonti, come la mitologia greca, lo sport, la politica statunitense, la storia, brevi casi aziendali e personali, fatti di cronaca e alcuni concetti e teorie di management e coaching, insieme a molte citazioni di libri, film, canzoni, articoli, video, discorsi, pagine web che hanno contribuito alla narrativa. Mi rendo conto di aver sempre giocato in trasferta, trascorrendo 23 anni all’estero: 12 a Washington, nove a Londra e due a Ginevra, dove vivo adesso. Ho avuto la fortuna di lavorare con persone straordinarie, in più di 60 nazioni diverse. Questa esperienza ha certamente contribuito a offrirmi una prospettiva particolare, incluse le lenti attraverso le quali osservo l’Italia, che, come disse Leonardo Sciascia, “da lontano duole di meno”. La mia vicenda professionale e soprattutto quella umana mi hanno convinto che tutte le persone hanno almeno un talento particolare che aspetta solo di essere scoperto, incoraggiato e utilizzato. Sono convinto di poter essere d’aiuto, di poter dare una mano e di convincervi non solo a non arrendervi ma a utilizzare strategie e sentieri che non pensavate esistessero. Le storie che leggerete sono tutte vere: svelerò segreti, mostrerò trucchi, offrirò strumenti, sperando possano essere utili, pragmatici e anche divertenti. Allo stesso tempo vorrei chiarire che non sarò certo io a fornirvi la Risposta che state cercando né tantomeno a dirvi cosa dovete o non dovete fare. Che titolo avrei per farlo? Il mio ruolo sarà quello di aiutarvi a formulare la domanda giusta e di accompagnarvi nel viaggio. Infatti, nessuno può fornirci le risposte corrette, dobbiamo trovarle dentro di noi. Il successo professionale non è un miracolo o un colpo di fortuna; se non riusciamo a ottenere questo successo, non possiamo incolpare qualcun altro: siamo noi a guidare la nostra vita, abbiamo sempre scelte da compiere, da persone libere, sapendo che la felicità consiste nel viaggio, non nell’arrivare. Nel viaggio non saremo mai soli, starà a noi scegliere i compagni di ventura. Il libro è diviso in tre parti: Passione, La bussola, Libertà. La domanda che caratterizza il Capitolo 1 è: “Come scoprire qual è la nostra Passione?”. Io lo imparai da un artista di strada, Gerardo, che dipingeva acquerelli nella via principale di Antigua, uno stupendo villaggio coloniale negli altipiani del Guatemala. Su questa strada c’erano moltissimi artisti che disegnavano paesaggi, ma le opere di Gerardo mi colpirono molto: avevano una luce particolare. Durante una giornata di pioggia torrenziale, notai che sulla via non c’erano artisti eccetto Gerardo che, sotto un ombrellone, continuava imperterrito a disegnare. Lo raggiunsi per acquistare un suo acquerello, ma aveva a disposizione solo quello che stava ultimando. Gli chiesi il prezzo per quella sua opera, mi rispose: “50 dollari”. Cercai di ottenere uno sconto perché non era terminata. Gerardo mi rispose che abitualmente vendeva i suoi acquerelli a 25 dollari, ma per quello che volevo comperare dovevo pagarne 50. Non capivo. Gerardo mi disse: “Ti faccio pagare il doppio perché tu mi neghi la gioia che provo nel terminare un lavoro che amo”. Gli diedi 50 dollari, felice di aver imparato una lezione indimenticabile, senza prezzo. La seconda parte del libro, La bussola, ci aiuterà a orientarci e si sviluppa in vari capitoli basati su una serie di domande. Nel Capitolo 2 ci chiederemo: “Come capire quale sia il Villaggio, la cultura giusta per noi?”. Dopo un’introduzione teorica su cosa sia la cultura, avrete a disposizione strumenti pratici per capire la cultura di un’organizzazione. Nel Capitolo 3 risponderemo alla domanda: “Come facciamo ad arrivare dove vogliamo, farci assumere dall’organizzazione che fa per noi?”. In questo capitolo otterrete molti suggerimenti pratici e utili come, per esempio, scrivere un curriculum, affrontare un colloquio, sapere se le organizzazioni vi dicono la verità. Il Capitolo 4 risponde a un interrogativo chiave: “Come ottenere fiducia, sapendo che questa è l’ingrediente più importante in ogni relazione?”. Qui troverete una formula con tutti gli elementi che contribuiscono a creare, o distruggere, la fiducia. Il Capitolo 5 sarà dedicato alle domande: “Di chi ci possiamo fidare? Come capire le regole del gioco?”. Entreremo in uno zoo – o forse dovrei scrivere in una giungla – dove troveremo vari tipi di animali che dobbiamo assolutamente imparare a distinguere. Vi sorprenderò dimostrandovi che siamo circondati da eroi invisibili o abbiamo, ora e qui, la possibilità di diventarlo anche noi. Il Capitolo 6 ci porrà di fronte a un quesito fondamentale, che ci costringerà a scavare profondamente nella nostra anima: “Quale prezzo siamo disposti a pagare per far carriera?”. Condividerò con voi storie di persone che hanno fatto un “patto con il diavolo”. Anche la terza parte del libro, Libertà, sarà caratterizzata da domande. I temi del Capitolo 7 saranno: “Come fare carriera? Cosa ci può aiutare? Quali errori dobbiamo evitare?”. “Should I stay or should I go?” scandisce il Capitolo 8: quando è il momento giusto di andarsene da un’organizzazione? Come veniamo veramente valutati? L’ultima parte del libro viene sviluppata nel Capitolo 9: “Cosa conta davvero? Cosa vuol dire avere successo secondo i nostri valori come persone, non in base a criteri stabiliti da altri? Qual è il vero capitale di cui noi siamo responsabili?”. Buona lettura, buon divertimento e buon viaggio.

MALTA il paese leader in Europa nei servizi di eGovernment per cittadini e imprese

MALTA il paese leader in Europa nei servizi di #eGovernment per cittadini e imprese … come il Sud del Mediterraneo batte il Centro e Nord Europa

Fatti non parole, noi lo abbiamo capito e provato prima di te e siamo pronti a guidarti per una tua scelta di vita, di investimento, di impresa. Il mondo corre , se tu cammini resti indietro, ci sono giurisdizioni e sistemi paese più competitivi del tuo e capaci di attrarre capitali, investimenti e persone …MALTA per voi con www.maltaway.com

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide

Malta has been reconfirmed as leader in the delivery and performance of eGovernment services amongst 34 countries, namely the 28 European Union member states together with Iceland, Norway, Serbia, Switzerland, Turkey and Montenegro.

Malta has just been reconfirmed as leader in the delivery and performance of eGovernment services amongst 34 countries (28 European Union member states together with Iceland, Norway, Serbia, Switzerland, Turkey and Montenegro).  The results were published in the eGovernment Benchmark Report 2016 issued earlier today by the European Commission. (http://bit.ly/EUeGovBenchmark16)
The benchmarking study carried out by Capgemini, Sogeti, IDC, and the Politecnico di Milano measures four top-level indicators as well as compares the performance of eGovernment services between the participating countries.  As in last year, Malta has again attained an exceptional result by leading in all the top-level indicators and ranking first in the overall results.
The first indicator is User Centricity, where the report measures the online ‘availability’ and ‘usability’ of eGovernment services.  Malta has ranked first in both measurements and also in the overall indicator, with a score of 95%, 18 percentage points more than the EU average.
The second indicator, Transparency, examines the extent to which governments are transparent about their own responsibilities and performance, the service delivery process, and the personal data involved.  The EU average score in this indicator is 55%; Malta is clearly ahead of all other participating countries with a score of 97%.
Figure 1 – Transparency
(Source: European Commission (2016), A turning point for eGovernment 
development in Europe? – Background Report, p.31)
The third indicator, Cross Border Mobility, assesses governments’ ability to provide businesses and citizens seamless access to online public services when they are away from their home country.  Once again, Malta leads the rankings with an overall score of 89%, 34 percentage points more than the EU average.
Malta is also leading in the fourth indicator Key Enablers which measures the availability of a number of technical elements which are deemed important for the delivery of eGovernment services.  Malta achieved an overall score of 98%, 44 percentage points more than the EU average.
Figure 2 – Key Enablers
(Source: European Commission (2016), A turning point for eGovernment 
development in Europe? – Background Report, p.39)
Hon Emmanuel Mallia, Minister for Competitiveness and Digital, Maritime and Services Economy welcomed these excellent results.  Hon Mallia reaffirmed the Government’s support towards the implementation of the Digital Single Market Strategy, which was launched by the European Commission in 2015.  “The Government is committed to deliver innovative and secure eGovernment services aimed at opening up digital opportunities for both citizens and businesses alike and enhance Malta’s position as a leader in the digital economy.” added Hon Mallia.
Mr Tony Sultana, Executive Chairman of the Malta Information Technology Agency (MITA), said that such positive results reflect the incessant drive of the Agency to produce secure, transparent and user centric online services.  “This year, the Office of the Principal Permanent Secretary has increased impetus to make online services accessible through mobile devices.  In collaboration with the Office of the Prime Minister, MITA and various Ministries, are developing a number of mServices thus paving the way towards achieving Government’s commitment to reach out to a wider spectrum of audiences through different channels.” concluded Mr Sultana.
The eGovernment Benchmark 2016 Insight Report is available at: http://bit.ly/EUeGovBenchmark16-Insight
The eGovernment Benchmark 2016 Background Report is available at: http://bit.ly/EUeGovBenchmark16-Background

I peggiori paesi per tasse sulle aziende

Mai scegliere un paese solo per la bassa tassazione, stabilità, sicurezza, cultura, istruzione, sanità, qualità della vita, scarsa burocrazia e corruzione sono altrettanto e forse piú importanti

MALTA emerge con sempre maggiore visibilità tra le destinazioni di vita e affari eccellenti in Europa e nel mondo, qui puoi comprendere le motivazioni e i servizi di MALTAway.

Ma se almeno vuoi stare alla larga dai paesi con la tassazione per le società peggiore del mondo , ecco una lista dei 25 da dimenticare

To measure tax it uses the World Bank’s total tax rate, which accounts for all the taxes on businesses themselves rather than the employees.

Business Insider took a look at the countries with total tax rates of more than 50%. Check them out below.

The 25 countries with the highest tax rates in the world

25. Spain: 50% — Spain has reduced its overall rates from 58% to 50%, dropping out of the top 5 highest tax rates for businesses in Europe.

24. Japan: 51.3% — Japan’s high tax rates have weighed on the country’s ranking in the WEF’s competitiveness index. Japan came in at 8th this year, losing three places.

T=22. Mexico: 51.7% — Government corruption and bureaucracy are the main hurdles to doing business in Mexico, despite the high tax rates, according to the WEF.

T=22. Austria: 51.7% — Austria has some interesting quirks with its tax system. For example, couples are taxed separately even when they are married.

21. Ukraine: 52.2% — Businesses in Ukraine have to contend not only with serious geopolitical concerns, but also with some of the highest taxes in Europe.

20. Sri Lanka: 55.2% — While Sri Lanka’s tax rates are high, the WEF cites policy instability and poor access to financing as bigger hindrances to doing business in the country.

19. Costa Rica: 58% — The small nation is one of a few countries in Central America to have a tax rate well in excess of 50%. This is part down to high levels of tax activism in recent years, which has led policymakers to increase total taxes.

18. Belgium: 58.4% — The home of the European Union has the fourth-highest rate of tax in the eurozone and the highest outside the “big five” Euro countries.

18. Belgium: 58.4% — The home of the European Union has the fourth-highest rate of tax in the eurozone and the highest outside the "big five" Euro countries.

Shutterstock

17. Tunisia: 59.9% — Tunisia’s rate is high, but has decreased from over 62% recorded last year by the WEF.

16. India: 60.6% — The efficiency of India’s domestic market is hindered by fiscal regulations that allow federal states to levy different levels of value-added taxes.

15. France: 62.7% — The current government has overhauled the tax system and cut corporate levies, but France still has higher levels of tax than its European peers.

15. France: 62.7% — The current government has overhauled the tax system and cut corporate levies, but France still has higher levels of tax than its European peers.

Pixabay

T=13. Benin: 63.3% — The World Bank says the country’s corporate income tax runs to only 15.9%, but a bundle of other taxes raise the total rate imposed on businesses significantly.

T=13. Gambia: 63.3% — Without major natural resources, Gambia is among the poorest nations in the world. Taxes on turnover rather than profit raise rates for businesses significantly.

T=13. Gambia: 63.3% — Without major natural resources, Gambia is among the poorest nations in the world. Taxes on turnover rather than profit raise rates for businesses significantly.

Kevin SharpSerrekunda, The Gambia

12. Chad: 63.5% — Like Gambia, Chad relies on agriculture and is extremely poor. It taxes 1.5% of turnover or 40% or profits, depending on which is higher.

12. Chad: 63.5% — Like Gambia, Chad relies on agriculture and is extremely poor. It taxes 1.5% of turnover or 40% or profits, depending on which is higher.

REUTERS/Thomas Mukoya

11. Nicaragua: 63.9% — The country suffers from high levels of government bureaucracy, as well as high tax rates, according to the WEF.

11. Nicaragua: 63.9% — The country suffers from high levels of government bureaucracy, as well as high tax rates, according to the WEF.

REUTERS/Oswaldo Rivas

10. Italy: 64.8% — Italy’s high tax rate is the single most problematic factor for doing business in the country, according to the WEF, beating its government bureaucracy.

9. Venezuela: 65% — The economy of Venezuela is wracked by inflation, crime and corruption, according to the WEF. It pursued a higher-tax model, with dramatic increases in taxes for foreign oil companies under former President Hugo Chavez.

9. Venezuela: 65% — The economy of Venezuela is wracked by inflation, crime and corruption, according to the WEF. It pursued a higher-tax model, with dramatic increases in taxes for foreign oil companies under former President Hugo Chavez.

Thomson Reuters

8. China: 67.8% — China faces a worsening fiscal situation—the budget deficit more than doubled between 2014 and 2015, to reach 2.7% of GDP.

8. China: 67.8% — China faces a worsening fiscal situation—the budget deficit more than doubled between 2014 and 2015, to reach 2.7% of GDP.

ChinaFotoPress/via Getty Images

7. Brazil: 69.2% — Brazil is losing competitiveness fast. In the context of negative terms of trade shocks and political turmoil, the country fell six positions to 81st.

7. Brazil: 69.2% — Brazil is losing competitiveness fast. In the context of negative terms of trade shocks and political turmoil, the country fell six positions to 81st.

Pilar Olivares/Reuters

6. Colombia: 69.7% — The country has reduced its rate from over 73% last year, but it is still one of the highest in the world.

5. Mauritania: 71.3% — In 2013, this agriculture-dependent country brought in a withholding tax of 15% to stop people from moving payments to non-residents.

5. Mauritania: 71.3% — In 2013, this agriculture-dependent country brought in a withholding tax of 15% to stop people from moving payments to non-residents.

REUTERS/Lintao Zhang

4. Algeria: 72.7% — Algeria has the highest total tax rate in Africa.

4. Algeria: 72.7% — Algeria has the highest total tax rate in Africa.

Magharebia

3. Tajikistan: 81.8% — The country in Central Asia has increased its rate from 80.9% last year, according to the WEF.

2. Bolivia: 83.7% — Bolivia’s transaction tax skims 60% of company profits, even before other taxes are taken into account.

1. Argentina: 137.4% — The country’s turnover tax alone eats up nearly 90% of corporate earnings, before taxes on salaries and financial transactions are taken into account.

MALTA settore aereo, investimenti da Austria, Svizzera, Irlanda, UK

VistaJet invests another €100 million in Malta’s aviation industry

MALTA settore aereo, investimenti da Austria, Svizzera, Irlanda, UK, Germania

Questo articolo esprime con perfetta sintesi quello che sta accadendo qui a Malta, nota per il registro navale piú grande d’Europa e ora su una strada di successo per il settore aereo, che vede i leaders di mercato abbracciare con favore l’attrattività di Malta rispetto ad altre giurisdizioni … vedi qui su www.maltaway.com

Malta da tempo è la base di Lufthansa per tutti i servizi di manutenzione, nel 2016 la stessa cosa ha coinvolto Easy Jet, Ryanair oltre ad aumentare gli aeromobili basati a Malta ha un progetto di fare qui un hub per i collegamenti transatlantici ….

e ora VISTA Jet, società Austriaca con ex Headquarter in Svizzera e leader del trasporto aereo privato di lusso (regina d’Inghilterra compresa) che ha spostato le sue attività e HQ su Malta nel 2012, decide dopo 4 anni di esperienza di aumentare il suo investimento su Malta di altri 100M di Euro

Per Malta che ha un PIL intorno ai 9 Miliardi , sono una cifra davvero considerevole e notevole è il fatto che siano paesi come Austria, Svizzera, Germania, UK, Irlanda … le giurisdizioni da cui questi nuovi investimenti provengono

In sintesi abbiamo società leader che rappresentano il meglio dei nuovi modelli di business e che competono con successo nel mondo, lusso compreso, che hanno deciso di fare di Malta la loro casa …. e vengono tutti da paesi considerati come modelli vincenti ….. riflettete e agite, per i vostri progetti su Malta noi ci siamo 

MALTAWAY: INVESTIRE A MALTA NELLE ACQUE TRANQUILLE DI UN PAESE STABILE E SICURO

Trasferire a Malta la residenza, la tua vita, i tuoi familiari, il tuo business, il tuo patrimonio, significa migliorare la gestione del tuo rischio

Corporate & Assets Governance, World Class, MALTA, Worldwide


VistaJet has announced a further €100 million investment in Malta’s aviation industry with the purchase of three new luxury jets, all of which arrived in Malta on Friday.

The acquisition has seen the company’s fleet increase to a total of 70 private aircraft, 60 of which are registered in Malta, while the rest are split between locations in the United States and China.

This most recent investment adds to an impressive total of an approximate €2 billion outlay in its Malta-registered assets. Two of the jets are Challenger 350s, which sleep nine and have a seven-hour range. The third is a Global 6000, which sleeps seven, has 14 seats and a 13.5-hour range. The aircraft were manufactured in Toronto and Montreal and are state-of-the-art.

The luxury airliner’s target demographic includes private individuals, Heads of State, corporate leaders, and entrepreneurs. It may sound ridiculous considering the years of economic uncertainty which have plagued numerous industries, but VistaJet is experiencing unprecedented success, with VistaJet’s Chief Operating Officer Nick van der Meer saying the company has seen a 20 per cent year-on-year growth in revenues.

The previously Austrian airline, which was originally headquartered in Switzerland and which has since moved to Malta, obtained an Operating Licence and an Air Operator Certificate from Transport Malta in May 2012.

Speaking to The Malta Independent on Sunday, Mr van der Meer (photo) praised the pro-business attitude of both current and previous administrations, which has allowed the company to achieve exponential growth.

Stressing that the business-friendly environment found in Malta has been a primary cause for the company’s extremely successful yet simple business model, which views efficiency as a vital cog in its ever-expanding machine.

Mr van der Meer singles out Transport Malta’s Civil Aviation Directorate for particular praise, emphasising its pro-business stance as it allowed the company to function to its highest capacity, while always placing safety first. In fact, he stressed the idea that the three new jets were able to be listed in the Maltese registry in a single morning, in comparison to the several weeks it would take in other jurisdictions.

The company’s interest in Malta began with a meeting with former Minister for Infrastructure, Communications and Transport Austin Gatt in 2011. Mr van der Meer was full of praise for the way the former minister and his staff conducted themselves, even though they had been on holiday at the time, saying that he was “impressed by their approach to business”.

A year’s trial period in Malta with five aircraft, proved to the company that Malta was the perfect place from which to catalyse further growth.

Mr van der Meer insists that VistaJets’ reason for moving its headquarters to Malta was not for tax purposes. Instead, he cites the business-friendly environment that both the current and former administrations have created. The fact that the governments’ primary interest was to “create jobs” and the country’s “progressive business attitude” resonated with him.

Mr van der Meer believes that the relationship between the company and the government is mutually beneficial since it is able to provide a large amount of business to other sectors within the Maltese economy, specifically hotels by booking over 6,000 room nights per year for crew and staff training taking place in Malta.

He also maintains that the company is able to promote Malta as a business hub saying that, “Wherever we fly, we fly the Maltese flag, the destinations we fly to are worldwide and we believe we are able to create a lot of interest in Malta”.

Walking into VistaJets’ headquarters and operational base in Malta, one immediately gets the impression that the company prides itself on providing modern, state-of-the-art facilities. The luxury aircraft company has a growing workforce with 245 employees in Malta and 805 worldwide.

It has a constant direct stream with its offices in London, Hong Kong, China and the USA –allowing employees to have instant communication with the company’s international workforce. This allows the company to schedule over 100 flights per day with a fleet of 70 aircraft. There is much focus on IT services and programming in order to be at the forefront of technological innovation in the industry.

VistaJet certainly revolutionised the industry. Prior to its formation, there were three private aviation options: a client could choose a random charter aircraft, purchase his own plane, or buy into fractional ownership.

VistaJet instead decided to provide a fourth option for the industry, by introducing a subscription-based plane service that allows customers a guaranteed availability block of hours per year.

The service is able to fly clients to every corner of the world with as little as 24 hours’ notice, and prides itself on its highly-efficient, high-quality worldwide service. The jets and their interiors are impeccable and are only matched by their on-board service.

The entire fleet shares the same features and details, which Mr van der Meer believes provides a brand familiarity with the clients who, in turn, are able to have their high expectations met on every flight.

http://www.independent.com.mt//articles/2016-10-02/local-news/VistaJet-invests-another-100-million-in-Malta-s-aviation-industry-6736164552

INCENTIVE o Conferenza aziendale? Noi riempiamo la tua pagina bianca con un PROGRAMMA A MALTA

INCENTIVE o Conferenza aziendale? Noi riempiamo la tua pagina bianca con un PROGRAMMA A MALTA

Malta e’ un luogo incantevole e ideale per organizzare un INCENTIVE aziendale, conferenze, meeting, attivita’ di team building e molto altro.

Puoi raggiungerla facilmente da tutte le principali citta’ italiane concomodi voli di linea o low cost al massimo in un’ora e mezza , e ti aspettano 300 giorni di sole all’anno!

20160226_141413

Le isole maltesi sono note per ospitare conferenze internazionali ed europee, capi di stato , presidenti , regine ma avrete sicuramente l’occasione per apprezzare anche la semplicita’ e cordialita’ dei suoi abitanti.

Malta offre strutture di hotel 4 o 5 stelle dotati di ogni confort, sale meeting e congressuali nonche’ Conference Centre in grado di ospitare anche piu’ di mille persone, superbe piscine e spa dove rilassarsi, spiagge ove godersi la bellezza del suo mare incantevole.

cropped-malta-mare-11.jpg

A Malta trovi splendide locations in antichi palazzi, dimore o in suggestivi giardini con viste spettacolari  ove organizzare cene di gala sontuose e indimenticabili.

Avete mai pensato di cenare insieme agli Antichi Cavalieri e rivivere l’atmosfera dei tempi passati?

Il filo conduttore tra il passato, il presente e il futuro e’ sempre il progresso.

cena Cavalieri.png

L’arcipelago di Malta e Gozo e’ l’ideale per organizzare attivita’ di team building dalle piu’ semplici (come giochi, caccia al tesoro, tour 4×4, barca ) alle piu’ emozionanti e sfidanti (zip-line, abseiling, trekking) per fare squadra, accrescere l’autostima e la fiducia.

abseilinggozo-4x4

Malta e’ anche storia e cultura . Andare alla scoperta dell’arcipelago maltese vuol dire respirare i suoi 7000 anni di storia con resti di templi megalitici, scorgere l’ avvicendarsi di popoli come i Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi fino ai Cavalieri di Malta,  ammirare il suo ricco patrimonio artistico e  immergersi nel suo pot-pourri di culture.

20141102_145643

Durante la permanenza nell’arcipelago si potra’ andare alla scoperta di citta’ come Valletta, Mdina, Le Tre Citta’ , Vittoria e rimanerne affascinati, si potranno visitare musei , chiese, palazzi e templi megalitici tra i piu’ vecchi al mondo per respirare il fascino del passato

20160130_132331

o si potra’ semplicemente rilassarsi su una spiaggia affacciata sull’azzurro del mare Mediterraneo.

malta-mare-10.jpg

Maltaway Travel propone programmi per INCENTIVE e MEETING AZIENDALI personalizzati sulla base delle specifiche esigenze aziendali.

Noi vogliamo  prendere la tua pagina bianca per riempirla  insieme a te di pensieri e idee, per farli diventare poi programmi adatti ai tuoi obiettivi aziendali ,costruire con te il progetto e far vivere al gruppo  una esperienza aziendale di incentive che crei motivazione e soprattutto ricordi indelebili.

pagina-bianca

Ti aspettiamo con la tua pagina bianca per riempirla insieme a Noi per il TUO programma di INCENTIVE aziendale,  a Malta naturalmente!

E per i tuoi viaggi di Lavoro o di piacere … MALTAway TRAVEL

VIAGGI MALTA E NEL MONDO CON MALTAway TRAVEL

MALTAway TRAVEL è un CONSULENTE DI VIAGGIO SPECIALIZZATO SU MALTA, paese ove viviamo e che conosciamo nei suoi aspetti più diversi, ma sempre con soluzioni nuove e competitive ovunque nel mondo

Scegliere Maltaway Travel per un viaggio a Malta vuol dire prenotare un hotel a prezzi web ma in più avere i consigli giusti e gratis di chi ha visto e selezionato gli hotel , di chi conosce l’isola per suggerirti la location ideale , di chi sa dirti cosa fare e vedere. E poi puoi anche trovarci qui al tuo arrivo.

Per chi viaggia per affari vuol dire avere un servizio in outsourcing con il tuo esperto a prezzi web e ovunque nel mondo

CONTATTA Maltaway Travel per un preventivo per un viaggio.

LA TUA AGENZIA ON LINE CON UN VOLTO E UNA VOCE PER OFFERTE A PREZZI WEB + TANTI CONSIGLI GRATIS

VIAGGI, IL MARE DI MALTA: leggi la nostra guida aggiornata e con i dettagli e le informazioni di chi vive sull’isola

VIAGGI, STORIA, CULTURA E TRADIZIONE A MALTA: è un paese ricco di storia lunga 7000 anni e di cultura con templi neolitici, cittadine medioevali , pittoreschi villaggi , imponenti palazzi, chiese e cattedrali ma anche stupendo dal punto di vista naturalistico con il suo mare azzurro, le lagune caraibiche, le sue spiagge, le sue scogliere che rendono l’isola una location davvero unica e completa.

YACHTING: Noi di MALTAway TRAVEL, ti possiamo organizzare la tua vacanza in barca a vela a Malta perchè i tuoi sogni e desideri possano realizzarsi. .. e svegliarti nella Laguna Blu di Comino per un bagno in solitaria nelle sue acque azzurre e cristalline, o attraccare nella baia di Xlendi a Gozo, o partendo da Malta ovunque nel Mediterraneo Perché dovresti scegliere NOI di Maltaway Travel ?


I VANTAGGI DI PRENOTARE LA TUA VACANZA E I TUOI VIAGGI CON MALTAWAY TRAVEL

  •         Perché non hai tempo di trovare l’hotel, raccogliere informazioni  , capire la location giusta per te, scomodarti ad andare in agenzia a prenotare. Noi sappiamo  consigliarti offrendoti posti selezionati a costi competitivi, come TUO CONSULENTE DI VIAGGIO
  •        in PIU’ saremo il TUO PERSONAL TRAVEL  per avere iconsigli giusti sulla tua vacanza , senza costi aggiuntivi.

Tu non dovrai preoccuparti di nulla prenotare un Viaggio con Maltaway  Travel è semplice, in soli 3 passi:

  1. CONTATTACI : Tu non dovrai preoccuparti di nulla, contattaci via mail , Skype , Voip per valutare insieme le tue esigenze, per costruire il viaggio su misura per te, avere da noi suggerimenti sulla miglior location e il miglior hotel senza costi aggiuntivi, i consigli sono gratis.
  2. PREVENTIVO : ti mandiamo on line un preventivo per una vacanza negli hotel o residence selezionati o per i voli da te scelti per il tuo viaggio,  come fa la tua agenzia viaggi vicino a casa ma senza scomodarti
  3. PRENOTAZIONE : per confermare la tua scelta inoltri un  bonifico in tutta sicurezza al Broker di Viaggio italiano serio e affidabile da noi scelto, senza far uso della carta di credito, e tispediamo i voucher e/o i biglietti aerei (compreso il check in per i voli low cost) direttamente via e- mail .

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO  senza impegno e per vedere le offerte che facciamo, noi di Maltaway Travel siamo qui a Malta ad aspettarti!

Board Governance and Sales Incentives scheme

Wells Fargo and the Slippery Slope of Sales Incentives

even a strong compliance function can’t counteract a compromised culture.

Get on Board the proper people, culture and behaviour….this is the primary interest to serve the shareholders as well, MALTAway is ready to serve you BOARD GOVERNANCE AND NON EXECUTIVE DIRECTOR (NED)

board-compensation-committee

In early September Wells Fargo agreed to pay a $185 million fine and return $5 million in fees wrongly charged to customers. The settlement stems from the bank’s employees allegedly opening more than 2 million bank and credit card accounts without customers’ permission. The CEO of Wells Fargo, John Stumpf, apologized in front of a congressional panel Tuesday, saying in a statement, “I accept full responsibility for all unethical sales practices.”

That speaks to why they did this in the first place: To meet sales quotas and earn incentives.

This is certainly not the first time that a high-profile sales scandal like this has hit the press. In the early 1990s Sears sought to restore its reputation with $46 million in coupons because some employees of its automotive repair division (who were paid a commission on sales of parts and services) had allegedly enticed customers into authorizing and paying for needless repairs. In 2005 the world’s largest insurance broker, Marsh Inc., paid $850 million in fines in the aftermath of accusations that it had received kickbacks from insurance companies for steering business their way — a scheme at odds with Marsh’s commitment to finding the best deal for customers.

Beyond the fines, Wells Fargo has fired at least 5,300 employees for “inappropriate sales conduct,” and the bank is making changes to its quota system. Stumpf said in an earlier statement: “We are eliminating product sales goals because we want to make certain our customers have full confidence that our retail bankers are always focused on the best interests of customers.” Politicians, predictably, have railed against the leadership at Wells Fargo and have called for Stumpf’s resignation. One of the intriguing facts to come to light is that the fraudulent account openings continued even after the bank was aware of it and had fired employees for it starting in 2011.

That suggests that firing employees was not enough to curb the actions. Will eliminating sales goals do it? Before answering this question, it is useful to understand why and how such sales practices begin and spread within an organization.

In these and many other similar (but often less high-profile) cases, much of the blame gets placed on the sales goals and incentives. Salespeople are offered a large monetary reward linked to the achievement of sales goals — goals that employees perceive as excessively high. Sales managers, too, are rewarded for goal achievement, so they put pressure on salespeople to deliver. Salespeople are enticed by the promise of the large reward, or perhaps they are fearful of losing their jobs. Either way, they do whatever it takes to make sales goals.

But large rewards tied to challenging sales goals do not have to be a deadly combination. Many companies have great success using incentives and stretch goals to motivate the sales force and drive revenue. The culture in such sales forces may be sales-oriented and even competitive, yet salespeople still behave ethically and remain focused on meeting customers’ needs.

What differentiates sales teams that play by the rules from those that break them?

Large-scale unethical sales practices often begin with minor ethical compromises. Things escalate and spread from there. Consider the following sequence:

A bank account manager, under pressure to make a sales goal, pushes a customer to add a credit card, even though the account manager knows it’s not in the customer’s interest
Still short of the goal, the account manager asks his friends and family to open accounts. (The accounts are to be closed shortly thereafter.)
With the goal still not achieved, the account manager opens accounts without asking customers and transfers a small amount of money. (The accounts are closed shortly thereafter and the money is transferred back.)
As soon as the account manager gets away with the first unethical act, it’s not a big step to the fraudulent ones. The justification moves from “it’s legal” to “no one is harmed” to “no one will notice.” When such practices are tolerated, they escalate in severity and spread throughout the organization.

To prevent that, the sales culture has to stop the first level of compromise, because the slippery slope begins there. As Wells Fargo has discovered in the last five years, even a strong compliance function — one that began firing people in 2011 — can’t counteract a compromised culture.

When things escalate to such a scale, the problems won’t stop with salespeople. Managers and leaders may be looking the other way, or aiding and abetting the behaviors.
What’s most insidious is that managers and leaders may be engaging in similar behaviors in their spheres and domains — in how they deal with other people inside the company, with partners, and with suppliers. Often, bringing about change requires going right to the top of the sales organization and bringing in a new leader who isn’t connected to the history of what’s happened. This individual can build a new culture based on appropriate values and the right workstyle.

Though not a question for customers and regulators, companies such as Wells Fargo have to ask how they can succeed in a sales world without heavy reliance on goals and incentives.

In 2011, about the same time that Wells Fargo began firing employees for questionable sales practices, we wrote a piece for HBR.org addressing that very issue. We called it “Is Your Sales Force Addicted to Incentives?” As we wrote back then, the key to success will be a new culture built around a more balanced approach to managing sales. This new approach will require using tools other than incentives — for example, interesting work, enhanced processes for selecting salespeople and managers, training and coaching, information sharing, empowerment, teamwork, manager assistance and supervision, and improved performance management systems — to motivate salespeople and guide and control sales behaviors.

If the bank is successful in transforming to this balanced sales culture, then perhaps the money it once used for employee incentives can instead go to customer incentives — for example, a no-fee credit card or a better interest rate for opening a new high-balance account. Other companies would be wise to take the time to examine their own sales culture and ask whether incentives might be clouding otherwise good judgment.

https://hbr.org/2016/09/wells-fargo-and-the-slippery-slope-of-sales-incentives

Paradisi Fiscali: nuovo modello Europeo a punti paesi blacklist

Paradisi Fiscali: nuovo modello Europeo a punti paesi blacklist

Quando decidete per la residenza e la domiciliazione vostra e del vostro business, optate per una giurisdizione come MALTA fully compliant con le regole Europee e OCSE, in caso contrario cercate attentamente di comprendere come il paese scelto sia considerato dall’Europa, Italia e OCSE

Tassazione equa: la Commissione avvia i lavori per compilare un primo elenco comune UE delle giurisdizioni fiscali non collaborative

maltaway-eu-tax-haven-list

europe-paradisi-fiscali-2016-09-15_scoreboard-indicators

Bruxelles, 15 septembre 2016

La Commissione europea procede speditamente con i lavori di elaborazione di un primo elenco UE delle giurisdizioni fiscali non cooperative; è stata infatti presentata una valutazione preliminare (“quadro di valutazione degli indicatori”) di tutti i paesi terzi realizzata sulla base di una serie di indicatori chiave.

Spetta ora agli Stati membri dell’UE scegliere quali paesi dovrebbero essere sottoposti a un esame più approfondito nei prossimi mesi per individuare con precisione quelli che non rispettano le norme in materia di fiscalità.

Nel gennaio 2016, nell’ambito del più ampio obiettivo di contrastare l’evasione e l’elusione fiscali, la Commissione ha avviato un processo in tre fasi per compilare l’elenco comune dell’UE. Un elenco comune dell’UE delle giurisdizioni non cooperative avrà un peso molto maggiore rispetto all’attuale mosaico di elenchi nazionali nel trattare con i paesi terzi che rifiutano di conformarsi alle norme internazionali di buona governance in materia fiscale. Un elenco dell’UE impedirà inoltre una pianificazione fiscale aggressiva che abusi delle asimmetrie tra i diversi sistemi nazionali.

L’elenco definitivo delle giurisdizioni non cooperative dovrebbe essere pubblicato entro la fine del 2017. Gli Stati membri hanno già espresso il loro sostegno a questo approccio, che gode anche del fermo sostegno del Parlamento europeo.

maltaway mare caraibi med

Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha dichiarato: “L’UE prende sul serio i propri impegni di buona governance a livello internazionale. È ragionevole aspettarsi che i nostri partner internazionali facciano lo stesso. Vogliamo avere un dibattito leale e aperto con i nostri partner su questioni fiscali che ci riguardano tutti a livello globale. L’elenco dell’UE sarà il nostro strumento per trattare con i paesi terzi che rifiutano di adeguarsi alle norme.

Come è stato concepito il quadro di valutazione

Obiettivo del quadro di valutazione della Commissione è aiutare gli Stati membri a decidere con quali paesi l’UE dovrebbe avviare un dialogo sulle questioni di buona governance fiscale. È stato elaborato per avviare i lavori e contribuire ad orientare le scelte degli Stati membri nel decidere quali paesi sottoporre ad esame.

Tutti i paesi terzi e le giurisdizioni fiscali del mondo sono stati esaminati per determinare il rischio che essi presentano di favorire l’elusione fiscale. Tale valutazione preliminare si è basata su un’ampia gamma di indicatori oggettivi e neutri, tra cui dati economici, attività finanziaria, strutture giuridiche e istituzionali e norme basilari in materia di buona governance fiscale.

Come primo passo, il quadro di valutazione presenta dati fattuali su ogni paese rispetto a tre indicatori neutri: legami economici con l’UE, attività finanziaria e fattori di stabilità. Le giurisdizioni che occupano posizioni di rilevo in queste tre categorie sono quindi esaminate rispetto ad altri indicatori di rischio, come il livello di trasparenza o il ricorso potenziale a regimi fiscali preferenziali.

La valutazione preliminare non rappresenta alcun giudizio nei confronti dei paesi terzi, né costituisce un elenco preliminare dell’UE. I paesi possono occupare posizioni di rilevo rispetto agli indicatori del quadro di valutazione per vari motivi, anche quando non costituiscono una minaccia per le basi imponibili degli Stati membri. L’intento è quello di aiutare gli Stati membri a selezionare i paesi che intendono sottoporre a un esame più approfondito sotto il profilo della buona governance fiscale: sarà questa la prossima tappa nel processo di elaborazione dell’elenco dell’UE. L’UE collaborerà strettamente con l’OCSE durante il processo di compilazione dell’elenco e terrà conto della valutazione dell’OCSE sulle norme di trasparenza delle giurisdizioni.

Prossime tappe

La valutazione preliminare è stata presentata il 14 settembre agli esperti degli Stati membri nell’ambito del gruppo “Codice di condotta (Tassazione delle imprese)”. Sulla base dei risultati, il gruppo “Codice di condotta” deciderà le giurisdizioni da sottoporre a un esame più approfondito; la decisione dovrebbe essere approvata dai ministri delle finanze entro la fine dell’anno. L’esame dei paesi terzi selezionati dovrebbe iniziare il prossimo gennaio; l’obiettivo è disporre di un primo elenco dell’UE delle giurisdizioni fiscali non cooperative entro la fine del 2017.

Contesto

La compilazione del nuovo elenco rientra nella campagna dell’UE volta a contrastare l’evasione e l’elusione fiscali e a promuovere una maggiore equità fiscale nell’Unione e a livello mondiale. È stata proposta dalla Commissione nel gennaio 2016 nell’ambito della strategia esterna per un’imposizione effettiva e approvata in maggio dai ministri delle finanze dell’UE. Anche il Parlamento europeo ha ripetutamente espresso il proprio sostegno alla compilazione di un elenco dell’UE.

La strategia esterna definisce un processo di elaborazione dell’elenco dell’UE chiaro, equo e obiettivo, articolato in tre fasi.

  • 1. Quadro di valutazione La Commissione pubblica un quadro di valutazione neutro degli indicatori per contribuire a determinare il livello potenziale di rischio del sistema fiscale di ciascun paese nell’agevolare l’elusione fiscale. La Commissione presenta i risultati del quadro di valutazione agli esperti degli Stati membri nell’ambito del gruppo “Codice di condotta” del Consiglio.
  • 2. Esame Sulla base dei risultati del quadro di valutazione, gli Stati membri decidono quali paesi terzi devono essere ufficialmente sottoposti a un esame da parte dell’UE. L’esame delle norme di buona governance fiscale dei paesi terzi sarà svolto dalla Commissione e dal gruppo “Codice di condotta”. Sarà avviato un dialogo con i paesi interessati per consentire loro di rispondere alle preoccupazioni espresse o discutere una cooperazione approfondita con l’UE in materia fiscale.
  • 3. Compilazione dell’elenco Una volta completato l’esame, i paesi terzi che si sono rifiutati di collaborare o di avviare un dialogo con l’UE sulla buona governance fiscale saranno inseriti nell’elenco dell’UE.

L’elenco comune dell’UE è da intendersi come un’ultima possibilità. Sarà uno strumento per trattare con i paesi terzi che rifiutano di rispettare i principi della buona governance fiscale quando tutti gli altri tentativi di avviare il dialogo con tali paesi hanno fallito.

Per maggiori informazioni:MEMO/16/2997

Tasse APPLE, Irlanda, Malta , Italia …

Tasse APPLE, Irlanda, Malta , Italia …

La competizione fiscale tra gli stati Europei è lecita ma non se lo è in modo selettivo

Per essere competitivo anche sul lato fiscale ma essere sempre compliant con Malta, Italia, Europa e OCSE….le migliori soluzioni a Malta con MALTAway

Un ringraziamento al contributo di NOISE FROM AMERIKA, essendo difficile trovare in italiano un approfondimento capce di fare chiarezza nella nebbia culturale, giornalistica e politica creata dalla decisione recente della Commissione Europea

La sovranità fiscale dei singoli Stati non è in discussione e la competizione fiscale (fra stati membri) nemmeno. Ma questi principi vanno gestiti “a pari condizioni”, non “ad personam”, ed all’interno di un quadro di regole sovranazionali ben definito – com’è il TFUE o come sono i principi OCSE. La fiscalità può creare distorsioni della concorrenza sia quando è artificiosamente e selettivamente bassa, sia, invero, quando è palesemente elevata se, di nuovo, questo avviene solo per alcuni a favore di altri.

Tenete anche presente che, in caso di Brexit se e se mai ci sarà, avere una società in UK anzichè ad esempio a Malta, non consentirà più ad un azionista Europeo di godere dei vantaggi previsti dalla legislazione europea in tema di tassazione alla fonte di redditi societari provenienti da dividendi o capital gain … quindi attenzione ai fatti e alle decisioni che state intraprendendo

maltaway malta HNWI

http://noisefromamerika.org/articolo/caso-apple-mela-ed-paradiso-fiscale-perduto

Il caso Apple: la mela ed il paradiso (fiscale) perduto

Del perché Apple ha (probabilmente) torto e la Commissione ragione, ma non è detto che vincerà in tribunale. Alcune precisazioni tecniche su una questione che ha già scatenato numerose polemiche e che è di rilevanza capitale nel lungo periodo.

I termini della questione

In estrema sintesi, la Commissione UE ha deliberato sulla presunta illegittimità, rispetto alla normativa comunitaria sugli “aiuti di Stato” che violano il principio di “libera concorrenza”, di ruling fiscali (tecnicamente parlando, ATA – advanced tax agreements) concessi dalle autorità irlandesi a due società del gruppo Apple ivi residenti. L’importo da restituire, secondo la Commissione, ammonta a ben 13 miliardi di euro circa, oltre agli interessi, e si riferisce alla sommatoria delle agevolazioni irregolari ottenute nel periodo dal 2003 (la normativa degli “aiuti di Stato” retroagisce fino a dieci anni dall’inizio della procedura) al 2014 (a partire dal primo gennaio 2015 il gruppo Apple ha modificato la sua struttura fiscale irlandese, ndr). L’Irlanda (pare) ed Apple (certamente) faranno ricorso alla Corte di Giustizia europea (come previsto dalla procedura); soprattutto l’azienda di Cupertino ha negato gli addebiti sia con una “lettera aperta” alla clientela europea che tramite interviste sui maggiori media internazionali da parte di suoi manager. I principi in gioco, dipinti da molti come “(necessaria) tutela della libera concorrenza vs (auspicabile) difesa dell’autonomia nazionale in tema di fiscalità”, ma anche come “ingerenza della UE (e delle pretese fiscali in senso lato) vs tutela della libertà economica (e del legittimo risparmio fiscale)”, nonché la dimensione eclatante della cifra in sé (l’Economist si era lanciato in una previsione di “solo” un miliardo di euro circa) hanno dato il fuoco alle polveri dei commenti immediati di molti (spesso senza nemmeno aver visto bene i documenti disponibili, che pur ci sono), tanto che la confusione che si è ingenerata raggiunge livelli di guardia.

La delibera della Commissione

Con il comunicato del 30 agosto 2016, la Commissione UE ha reso noto le conclusioni a cui è pervenuta. Anche l’attuale Commissario Margrethe Vestager, sempre il 30 agosto 2016, è direttamente intervenuta con alcune precisazioni.

Nello specifico, la Commissione ritiene violata la normativa in tema di “aiuti di Stato” in seguito della concessione – da parte dell’Irlanda – di vantaggi fiscali indebiti a favore di due società del gruppo Apple, così da aver determinato una distorsione della concorrenza. Non è quindi in discussione “il regime tributario irlandese in generale né l’aliquota sulle società applicata nel paese”, attualmente pari al 12,5%, bensì due ruling fiscali (uno del 1991 e l’altro del 2007) che concedevano “modalità di determinazione degli utili imponibili […] non corrispondenti alla realtà economica” poiché “la quasi totalità degli utili veniva imputata internamente ad una sede centrale […] esistente solo sulla carta”.

Ciò si realizzava attraverso due meccanismi sovrapposti: (i) uno legato alla concessione del “diritto d’uso” della proprietà intellettuale per i territori diversi dal nord e sud America, con conseguente “accordo di ripartizione dei costi” con il quale le società irlandesi sostenevano la metà della totalità dei costi di ricerca e sviluppo di Apple su base mondiale (facendo emergere così un costo deducibile); (ii) l’altro legato all’attribuzione di una forfetizzazione del reddito imponibile tassabile in Irlanda, parametrato ad un ricarico standard della quota parte dei costi sostenuti di pertinenza della sola branch irlandese (facendo così emergere fiscalmente solo parte dei profitti effettivamente conseguiti). In buona sostanza, in forza dei ruling ottenuti, secondo la ricostruzione della Commissione, da un lato, venivano caricati all’Irlanda costi (deducibili) relativi ad attività di ricerca e sviluppo su base mondiale e, dall’altro, attratti a tassazione solo parte della base imponibile legata (forfetariamente) alle sole attività irlandesi. Volendo rappresentare sinteticamente la struttura fiscale utilizzata da Apple, occorre ricordare come tutte le vendite realizzate nei paesi europei, dai distributori e dai negozi locali (che agivano da meri depositi), venivano imputate direttamente ad una delle due società irlandesi (Apple Sales Int’l; l’altra è società di logistica/assemblaggio), tanto da generare in alcuni casi contestazioni “locali” (vedi il patteggiamento con il fisco italiano) e, nondimeno, la possibilità che anche altri paesi UE possano “rivendicare” parte del “beneficio fiscale” irregolarmente ottenuto.

La commissione, quindi, pur specificando di non avere competenza in materia fiscale, rileva dunque che, “ai fini della tutela dei principi di libera concorrenza”, i ruling concessi dall’Irlanda costituiscono, nel caso in esame, violazione della norma sugli aiuti di Stato (cfr. paragrafi successivi). Margrethe Vestager dice esplicitamente “this selective tax treatment of Apple in Ireland is illegal under EU State aid rules.” e “it gave Apple a significant benefit compared to other businesses […] tax rulings cannot endorse a method to calculate taxable profits of a business that fails to reflect economic reality”.

“This decision sends a clear message: member states cannot give unfair tax benefits to selected companies. No matter if they are European or foreign, large or small, part of a group or not”.

La risposta di Apple

L’attuale CEO di Apple, Tim Cook, ha prontamente replicato, in pari data, con una lettera aperta negando gli addebiti, soprattutto in ordine ai ruling contestati, rilevando l’incertezza giuridica conseguente (che rischia di comportare una riduzione degli investimenti in UE, oltre che di Apple anche di altre multinazionali) e sollevando obiezioni sugli effetti retroattivi della decisione della Commissione.

Anche il CFO di Apple, Luca Maestri, in un’intervista sul Corriere della Sera, è intervenuto sostenendo alcuni elementi a supporto (tra cui l’essere il maggior contribuente sia negli USA che in Irlanda) e rilevando anch’egli la questione della retroattività, pur dichiarandosi a favore di una “soluzione legislativa” che dia certezze, invece che rincorrere contenziosi ex post.

Invero, però, nessuno dei due interventi porta elementi oggettivi di dettaglio a supporto della loro linea difensiva (che, come detto, verrà sostenuta nei ricorsi alla Corte di Giustizia), lasciando anzi “aperte” alcune contraddizioni (cfr. paragrafi successivi).

La lettera della Commissione all’Irlanda

In realtà, ben più interessante ai fini dell’analisi della questione appare la lettera inviata dalla Commissione UE alle Autorità irlandesi già il’11 giugno 2014. È da questo documento che emergono infatti gli elementi maggiormente utili per comprendere i fatti e, di conseguenza, per provare a trarre un giudizio oggettivo.

Intanto, i tempi.

Nel giugno 2013, la Commissione inizia l’esame delle pratiche di ruling fiscale in alcuni stati membri, ai fini della valutazione della potenziale distorsione della concorrenza. Nel dicembre 2014 la Commissione estende a tutti gli stati membri le richieste di informazioni. Nell’ottobre 2015, vengono sanzionate (rispettivamente, per accordi in Lussemburgo e in Olanda) Fiat e Starbucks. Nel gennaio 2016, (per accordi in Belgio) è il turno di altre 35 multinazionali. Sono tuttora in corso procedure (in Lussemburgo) su Amazon e Mc Donald’s. A ottobre 2015, infine, è stato siglato l’accordo politico per uno scambio automatico di informazioni sui ruling fiscali.

Le date sono importanti. La procedura nei confronti di Apple si apre nel 2013. A giugno 2014, la Commissione scrive la lettera (prima citata) alle autorità Irlandesi. Nel 2015, Apple modifica l’organizzazione della sua struttura fiscale in Irlanda (cioè in concomitanza con la sottoscrizione dell’accordo di scambio di informazioni citato). A fine agosto 2016, la Commissione comunica la sua decisione.

Poi, la questione dei fiscal ruling.

Se Tim Cook nella sua lettera smentisce la loro esistenza con un perentorio “we never asked for, nor did we receive, any special deals”, il CFO Maestri già corregge il tiro con un meno secco “Nel 1991 e nel 2007 abbiamo chiesto alle autorità fiscali irlandesi di spiegare esattamente come operare nel paese e come pagare correttamente le tasse. È un procedimento normale che si segue specialmente quando la legislazione cambia. Ma qualunque condizione fiscale a noi applicata, era disponibile anche per le altre aziende”. Nella lettera della Commissione emerge invece – con la citazione di atti, mail e verbali – una realtà del tutto differente (cfr. capitolo 2.3.2; paragrafi 35,36,37,38 e 39). Emergono, almeno da quel documento, elementi oggettivamente sufficienti per poter considerare esistenti i ruling contestati.

Inoltre, in merito alla sede centrale – alla quale venivano imputati gli utili sottratti a tassazione – i rilievi della Commissione vertono sul fatto che “[…] non aveva né dipendenti né uffici propri. Le uniche attività che possono essere collegate alla “sede centrale” sono poche decisioni dei membri del consiglio di amministrazione (molti dei quali lavoravano contemporaneamente a tempo pieno come dirigenti di Apple Inc.) riguardanti la distribuzione dei dividendi, questioni amministrative e la gestione di tesoreria. Queste attività generavano utili in termini di interessi che, secondo l’analisi della Commissione, costituiscono gli unici utili attribuibili […]” a detta “sede centrale”. Per dirlo con le parole della Vestager:

“Our decision concludes that splitting the profits did not have any factual or economic justification. As mentioned, the head office had no employees, no premises and no real activities. Only the Irish branch of Apple Sales International had any resources and facilities to sell Apple products. But under the tax rulings it was the head office that was attributed almost all of the company’s profits – in fact, due to Apple’s set-up, it was attributed almost all of the profits Apple made from selling products throughout Europe, the Middle East, Africa and India”.

Ancora, la questione dei numeri.

L’effetto dell’applicazione dei ruling che consentivano la ripartizione della base imponibile tassabile tra la branch irlandese e la sede centrale, calcolando la base imponibile come percentuale forfetaria di ricarico sui soli costi imputati in Irlanda, ha comportato ad esempio una crescita del carico fiscale meno (molto meno) che proporzionale rispetto al + 415% delle vendite nel periodo 2009-2012.

Nel testo della lettera si legge “In fact, […] the sales income of ASI increased by 415% over the three years 2009-2012 to USD 63.9 billion. For the same period, the operating costs as reflected by the taxable income (which represents around [8-18]% of operating costs of the branch according to the ruling of 2007) increased by [10-20]%. […] As a large part of the operating capacity of ASI as a whole seems to be located in Ireland, the discrepancy between the sales growth and the growth of the Irish operating capacity, cannot be explained” e, ancora “If the 415% increase in sales is only due to an increase in price and not an increase in volumes, it would not be inconsistent that the operating expense of the ASI branch only increase by [10-20]% over the same period. However if the sales volumes increased [as it did, NdR], the operating costs of either the Irish branch of ASI or the operating costs that ASI incurs outside of Ireland should have increased significantly as well. At this stage, the increase in sales cannot be related to a comparable increase in operating costs, which could point to an inconsistency in the profit allocation to the Irish activities.”

Emerge ancora (stavolta dal comunicato stampa del 30 agosto) che “nel 2011 (secondo le cifre comunicate durante audizioni pubbliche del Senato USA) Apple Sales International ha registrato utili per […] circa 16 miliardi di EUR […] ma a norma del ruling fiscale solo 50 milioni di EUR circa erano considerati imponibili in Irlanda: rimanevano quindi 15,95 miliardi di EUR di utili non tassati. Di conseguenza, nel 2011 Apple Sales International ha versato in Irlanda un’imposta societaria che non raggiunge i 10 milioni di EUR, corrispondenti a un’aliquota effettiva dello 0,05% dei suoi utili annuali complessivi. Negli anni successivi gli utili registrati da Apple Sales International hanno continuato a crescere, ma non quelli considerati imponibili in Irlanda secondo il ruling fiscale. Pertanto l’aliquota effettiva è diminuita ulteriormente, fino a scendere ad appena lo 0,005% nel 2014.”

Le contraddizioni di Apple

Oltre che in questo instant fact checking, vi sono anche altri elementi contraddittori nelle tesi finora sostenute da Apple. Sulla (presunta) inesistenza dei ruling si è già detto (cfr, paragrafo precedente), ma la questione ulteriore (prescindendo dalla velata minaccia sulla riduzione degli investimenti) verte, sotto il profilo tecnico, sulla regola fiscale americana di differimento delle imposte sulla parte di utili realizzati all’estero e tassabili solo al momento del loro “rimpatrio” effettivo. Nel conteggio del corporate tax rate il CFO Maestri cita infatti “Nel 2014 abbiamo riportato il 26,1% di tasse sui nostri ricavi e nel 2015 il 26,5%. Nel mondo delle imprese, queste aliquote sono piuttosto fra le più alte”.

Ora, al di là della discutibile veridicità del giudizio comparato che espone Maestri, resta il fatto che Apple ha “accantonato diversi miliardi per versamenti supplementari che faremo quando riporteremo i fondi in America”. Si tratta però di imposte che al momento sono “non pagate” (rectius, “differite”) e che generano, quindi, una distorsione nel carico fiscale effettivo e del processo di armonizzazione della fiscalità internazionale. Nel merito il New York Times (articolo citato) rileva che il beneficio derivante ad Apple dalla “sospensione” della tassazione è abbastanza considerevole: “Apple has also kept more than $200 billion in accumulated profits offshore. That money could someday be brought home and taxed, but Apple is in control of whether or not that actually happens”.

La violazione della Concorrenza e la normativa sugli aiuti di Stato

La questione trova la sua ratio negli articoli 107 e 108 TFUE (cfr, per approfondimentihttps://www.to.camcom.it/sites/default/files/opportunita-europa/26392_CCIAATO_1512015.pdf e, anche, http://www.osservatorioaiutidistato.eu/faq.html ).

In sintesi, una misura o un’operazione rientra nel campo di applicazione del principio di incompatibilità degli aiuti di stato, quando: (i) ha origine statale ovvero mediante risorse statali…”; (ii) concede un vantaggio “selettivo” a talune imprese o talune produzioni; (iii) falsa o minaccia di falsare la concorrenza (in ambito comunitario); (iv) incide sugli scambi tra gli stati membri. Posto l’inciso «sotto qualsiasi forma» (contenuto nella norma) è giuridicamente considerato pacifico, in via generale, che anche misure fiscali possano costituire violazioni al principio del divieto degli aiuti di Stato, (cfr. giurisprudenza della Corte di Giustizia e Comunicazione 98/C 384/03).

Sono sempre compatibili con il mercato interno, invece, gli aiuti a carattere sociale concessi ai singoli consumatori, a condizione che siano accordati senza discriminazioni determinate dall’origine dei prodotti, e gli aiuti destinati a ovviare ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali. Possono inoltre considerarsi compatibili con il mercato interno gli aiuti destinati a favorire lo sviluppo economico delle regioni con tenore di vita anormalmente basso o con grave sottoccupazione, ovvero gli aiuti destinati a promuovere la realizzazione di progetti di interesse europeo o a porre rimedio a crisi dell’economia di uno Stato membro; ancora, gli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche, sempre che non alterino le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse e gli aiuti destinati a promuovere la cultura e la conservazione del patrimonio nonché altre ipotesi di aiuti deliberati in sede UE di volta in volta.

Sotto questo profilo, nessuna di queste fattispecie pare essere utilizzabile nel caso in esame. Ciò determina, da un lato, la legittimità dell’intervento della Commissione, visti anche i precedenti giurisprudenziali (i cui estremi sono riportati nei documenti citati) e, dall’altro, sposta il fulcro della questione sulla legittimità o meno dei ruling fiscali contestati.

La competizione (fiscale) fra Stati, ruling e “transfer pricing”

Il punto centrale, quindi, diventa questo: nonostante la Commissione “in sé”, non abbia specifici poteri di intervento in materia fiscale, è la validità o meno degli accordi fiscali convenuti fra l’Irlanda e Apple a determinare gli effetti della vicenda; se sono irregolari, cioè selettivi e rilevanti sugli scambi fra gli stati membri nonché distorsivi della concorrenza in ambito comunitario, la tesi della Commissione risulterà vincente, altrimenti no.

La questione è molto controversa (tanto politicamente che in dottrina) e soggetta a numerose stratificazioni normative (locali e internazionali) cumulatesi nel tempo, tanto da essere difficilmente illustrabile esaustivamente in poche righe. Ad ogni buon conto (per maggiori approfondimenti; una interessante sintesi della questione tecnica può essere rinvenuta anche qui), di seguito si riassumono i lineamenti principali utili al fine di comprendere i punti principali.

Occorre dire che, in linea di principio, il ricorso ai ruling (rectius, come detto in premessa, ATA) non costituisce “di per sé” una violazione automatica del principio di libera concorrenza essendo, soprattutto in alcuni stati, di diffuso utilizzo (non così in Italia, dove è stato solo recentemente introdotto in casi particolari e dove è invece più diffuso lo strumento del c.d. ’interpello”, che si differenzia dal ruling poiché attiene a questioni “interpretative” di norme già esistenti e non ha contenuti “derogativi” alle stesse). Invero, il ricorso a tale strumento da parte di uno stato membro dovrebbe comunque allinearsi ai principi (sottoscritti) del TFUE, limitazioni date dagli effetti della distorsione della concorrenza e dal divieto di aiuti di stato compresi.

Semmai, occorre altresì distinguere il tema della concorrenza fiscale tra stati da quello della concorrenza tra operatori economici in ambito comunitario, poiché (come già chiarito in precedenza) non è in discussione la prima, cioè la sovranità fiscale di ciascun stato (nel caso dell’Irlanda l’aliquota di corporate tax rate del 12,5% attuale), ma la potenziale distorsione della seconda. Le stesse indicazioni dell’OCSE, infatti, affermano come – nel rispetto dell’arm’s length principle in virtù del quale il trattamento eventualmente riconosciuto ad una impresa (o ad un settore) non deve essere “selettivo” e le transazioni tra eventuali parti correlate (compresi i “riparti di costi e ricavi”, come nel caso di specie) devono rispondere a condizioni e termini che sarebbero applicati dalle stesse anche in assenza di qualsiasi collegamento funzionale – il ricorso ai ruling possa essere considerato accettato.

La (il)legittimità dei ruling nel caso di specie

La Commissione, fin dalla lettera del giugno 2014, sostiene che “[…] is of the opinion that the contested rulings do not comply with the arm’s length principle. Accordingly, the Commission is of the opinion that through those rulings the Irish authorities confer an advantage on Apple. That advantage is obtained every year and on-going, when the annual tax liability is agreed upon by the tax authorities in view of that ruling.” E, ancora “That advantage is also granted in a selective manner. While rulings that merely contain an interpretation of the relevant tax provisions without deviating from administrative practice do not give rise to a presumption of a selective advantage, rulings that deviate from that practice have the effect of lowering the tax burden of the undertakings concerned as compared to undertakings in a similar legal and factual situation. To the extent the Irish authorities have deviated from the arm’s length principle as regards Apple, the contested rulings should also be considered selective. […] Given that the rulings were concluded after the entry into force of the Treaty in your country, the measure constitutes new aid within the meaning of Article 1(c) of Council Regulation (EC) No 659/1999. However, any potential recovery would be prescribed for aid granted before 12 June 2003, in accordance with Article 15 of that regulation”,

Va detto, sul punto, che – in assenza di elementi diversi a difesa delle ragioni di Apple, non ancora resi noti – da quanto emerge dai documenti analizzati (e qui via via linkati) risulta difficile non concordare con le conclusioni della Commissione sull’irregolarità dei ruling, tanto sotto il profilo della selettività (il metodo di ripartizione dei ricavi e dei costi all’interno della struttura utilizzata “non” si presta a “replicabilità” automatica) quanto sotto il profilo della “congruità” delle imputazioni contabili (fra branch irlandese e sede centrale, aggravata dalla “fittizietà” di quest’ultima).

Chi deve pagare (e perché) e a chi

Dando per acquisiti gli elementi e i ragionamenti fin qui espressi e ricordando come, in presenza di ricorsi da parte di Apple e dell’Irlanda, l’ultima parola spetterà alla Corte di Giustizia, restano sul tappeto ancora alcune questioni che hanno generato discussioni fra i non addetti ai lavori (ma che, invero, sono semplici da dirimere conoscendone gli aspetti tecnici). Queste questioni consistono nel periodo temporale di riferimento, nel soggetto tenuto a pagare e nel soggetto che ha il diritto ad incassare.

Il riferimento temporale è sancito dal TFUE stesso, e trova un limite nei dieci anni antecedenti alla prima richiesta di informazioni. Essendo questa del 2013, il riferimento temporale sarà 2003-2014 (poiché dal 2015 Apple, come già rilevato, ha modificato la sua struttura fiscale).

Il soggetto tenuto a pagare è, ai fini della normativa in esame e in linea con tutti i precedenti (per esempio), l’impresa che ha beneficiato degli aiuti irregolari (in questo caso costituiti da minori imposte per vari anni, che hanno aumentato la disponibilità finanziaria destinabile ad investimenti da parte di Apple), quindi nel caso di specie, Apple. Ciò è anche di logica linearità stante che, non trattandosi di una “multa”, ma di una “restituzione” di un indebito vantaggio, questo si è generato gravando sui contribuenti dello stato che non ha incassato le imposte altrimenti dovute e, qualora si imputasse a quest’ultimo il pagamento, i suoi cittadini (taxpayers) si vedrebbero gravare di un doppio danno (il vantaggio concesso all’impresa e la restituzione con le proprie tasche).

Infine, chi incasserà le somme contestate. Non l’UE, che non è parte in causa sotto il profilo sostanziale, ma lo stato che ha concesso il ruling irregolare, nel caso di specie l’Irlanda. Ciò deriva come ovvia conseguenza dal perché a pagare è tenuta l’impresa beneficiaria e in capo allo stato concedente vige l’obbligo di adempiere all’escussione delle somme. Questo anche perché il beneficiario ultimo di quelle somme non necessariamente sarà solo quest’ultimo. Infatti, per effetto di ciò che emergerà dalla decisione della Commissione, dagli atti che verranno presentati in processo e dalla sentenza della Corte di Giustizia, ben potrebbero scaturire (soprattutto nel caso in esame, stante la logica distributiva dei prodotti utilizzata e prima descritta) pretese fiscali da parte di altri stati membri per la loro quota parte eventualmente spettante ove si rilevassero violazioni alle singole normative interne (c.d. “effetto domino” derivante dall’irregolarità a monte). In tale evenienza (tutta da verificare nella sua concretizzabilità) l’ammontare stabilito del risarcimento spettante all’Irlanda verrà ridotto in tutto o in parte da quanto eventualmente rivendicato da altri paesi membri.

Quindi, come finirà (per quel che si può prevedere ora)?

Difficile, nonostante tutto, dirlo. Intanto perché non sono disponibili (per ora) “tutti” i documenti necessari e (soprattutto) la cristallizzazione delle linee difensive dei soggetti ricorrenti. Poi perché la Commissione, nel suo operato, non ha illustrato (ad ora) il criterio oggettivo della determinazione della cifra dei 13 miliardi di Euro, così che risulta oggi impossibile pronunciarsi su questo punto. Presumibilmente, sarà proprio questo uno dei temi su cui verteranno le tesi difensive, cercando di ridurre la base imponibile per ottenere la riduzione delle imposte da restituire. Infine, perché le pressioni politiche (ed economiche) a vario livello (anche internazionale, da parte degli USA in particolare), stante la rilevanza eclatante della cifra e del soggetto debitore, si faranno sicuramente sentire ed è difficile prevederne gli esiti.

Resta fermo un fatto. La Commissione pare essersi mossa nel rispetto sia dei suoi poteri che nella ricostruzione della “selettività” dei ruling contestati. Ciò rilevato, chiunque abbia a cuore la “certezza del diritto” (proprio quella che invoca nella sua lettera Tim Cook) non può che augurarsi che si tenga fede al principio della tutela della concorrenza e dell’indisponibilità a concordare imposte “ad personam” lesive di quest’ultima. Le imposte “ad personam”, oltre a violare i presupposti del principio liberale di pari trattamento e di neutralità fiscale sui mercati, rischiano di essere foriere di nuove corruttele e di un ritorno ad impropri ed opachi vassallaggi.

Le imposte è senz’altro opportuno che siano il più possibile contenute (per più ragioni di efficienza economica), la sovranità fiscale dei singoli Stati non è qui assolutamente in discussione e la competizione fiscale (fra stati membri) nemmeno. Ma questi tre principi o scopi o metodi di governo vanno gestiti/perseguiti/implementati “a pari condizioni”, non “ad personam”, ed all’interno di un quadro di regole sovranazionali ben definito – com’è il TFUE o come sono i principi OCSE. La fiscalità può creare distorsioni della concorrenza sia quando è artificiosamente e selettivamente bassa, sia, invero, quando è palesemente elevata se, di nuovo, questo avviene solo per alcuni a favore di altri. In entrambi i casi occorre rimuovere la distorsione in capo al singolo (o ai singoli, nel caso di privilegio/danno d’un gruppo specifico) poiché danneggia la libera concorrenza. Meriterebbe rinnovata analisi anche il secondo caso, quello di elevata tassazione concentrata solo su certi soggetti economici costretti a concorrere con altri che a tale eccessiva tassazione non sono esposti. Un tema trascurato dai più e senz’altro, che io sappia, dalla Commissione.

Voglio infine sottolineare, in chiusura, che difendere e sostenere pratiche distorsive, siano esse il ricorso ai ruling irregolari o il ricorso a pratiche evasive (si, anche l’evasione genera, economicamente parlando, effetti sulla concorrenza), non risponde affatto a principi liberali.

MALTAway, business alla luce del sole – business in the sunshine – MALTA WAY, la tua via d'accesso a MALTA per Residenza, Business, Investimenti. Copyright 2014 MALTAway Sviluppato da MALTAway

edoardo ferrario

Sogni e pensieri di uno scrittore

The Malta Photoblog

A photographic blog of my island home

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

thetabike2014

passionbike

SocialEconomy

l'economia della condivisione

Aurora Iblea

La gente pensa troppo a quel che deve fare e troppo poco a quel che deve essere. M.J.E.

AlessandroPedrini Finanza&Mercati

Blog di approfondimento economico di Alessandro Pedrini

CASA MALTA

CASA MALTA - per acquistare, affittare, investire a Malta. MALTAWAYTRAVEL per Viaggi, Corsi Inglese e Incentive - Copyright 2014 casamalta Sviluppato da casamalta

mirco balatti

Thoughts, ideas and news by a finance PhD researcher

alberto balatti board member blog

GOVERNANCE, INVESTMENTS, FINANCE, ECONOMICS, ORGANIZATION, MANAGEMENT, PEOPLE DREAMS, for BOARD'S MEMBERS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: